facebook rss

Riduzione liste di attesa,
ecco il piano dell’INRCA

“Vogliamo incrementare l’offerta di servizi sanitari – spiega il Direttore Generale Gianni Genga – a partire dalle prestazioni più critiche dal punto di vista dei tempi di attesa”
sabato 21 maggio 2016 - Ore 11:59
Print Friendly, PDF & Email

Offrire circa 2500 posti in più rispetto al 2015 al CUP regionale per prestazioni ambulatoriali comprensive di Tac, risonanze magnetiche, ecografie, ecocardiografie, Holter, test da sforzo e visite specialistiche da effettuare nelle sedi di Ancona e Fermo. E’ l’obiettivo fissato dall’Irccs Inrca – Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per Anziani – nell’ambito del piano per la riduzione delle liste d’attesa della Regione Marche per l’anno 2016.

Il direttore INRCA GIanni Genga

Il direttore INRCA GIanni Genga

Per questo: “Con i responsabili delle Unità operative interessate – aggiunge il direttore Gianni Genga – è stato concordato un piano per intensificare il numero dei posti disponibili al Centro Unico di Prenotazione per le prestazioni oggetto di monitoraggio, privilegiando, dove possibile, gli orari serali e il sabato”. Il potenziamento sarà possibile sia grazie ad una maggiore efficienza dei servizi concordata con i responsabili in sede di trattativa di budget, sia dall’utilizzo del 5% del fondo Balduzzi, nato per garantire prestazioni aggiuntive del personale fuori dall’orario di lavoro.
Lo snellimento delle liste d’attesa sarà agevolato anche dall’attivazione di nuovi centri ambulatoriali specialistici. Nell’ambito dell’integrazione tra Inrca e Osimo, sono stati già attivati presso l’ospedale di Osimo due ambulatori: uno di chirurgia generale-vascolare e uno di urologia, che tra visite ed ecografie garantiscono un totale di 35 controlli specialistici settimanali, circa 1600 l’anno. Nei prossimi mesi inoltre, presso la sede osimana è prevista l’attivazione di ulteriori ambulatori gestiti dagli specialisti dell’Inrca, tra cui nefrologia, neurologia, neuropsicologia, piede diabetico, diabetologia e cardiologia.
E’ stato ottimizzato anche il sistema di gestione delle prenotazioni, con la creazione di agende differenziate per classi di priorità. Inoltre, in attesa che venga estesa, come previsto, l’attività di recall telefonico dal Cup regionale, l’Inrca ha attivato un proprio sistema di richiamata dei pazienti. Per ora riguarda gli esami di radiologia e colon-gastroscopia. Fino ad oggi ha consentito un recupero di circa il 10% delle prenotazioni. In questo modo si stima di poter garantire circa 200 Tac e 150 tra gastroscopie e colonscopie in più all’anno, senza alcun costo aggiuntivo.
Infine, per consentire il monitoraggio continuo delle liste d’attesa, l’Inrca ha formalizzato la creazione di tavoli di confronto con i Comitati di partecipazione, che rappresentano le associazioni di cittadini e del volontariato, nei quali verranno divulgate periodicamente le analisi sui tempi d’attesa, aggiornati mensilmente sul sito dell’Istituto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X