facebook rss

Approvato il bilancio in consiglio,
a secco cultura, sport e turismo

PORTO SANT'ELPIDIO - Comune indebitato. Ci sono 26 milioni a scadere nel tempo. Accesi mutui per altri 3 milioni di euro
martedì 7 giugno 2016 - Ore 19:00
Print Friendly, PDF & Email

PORTO SANT’ELPIDIO – Cinque ore di consiglio per approvare il bilancio con i sei voti dell’opposizione contro. “Per via dei tagli e nel rispetto del patto di stabilità siamo stati costretti a ottimizzare la spesa pubblica e, in alcuni casi, siamo stati pionieri su questo fronte” si affretta a giustificare l’assessore Monica Leoni che aggiunge “Amministrare con previsioni di entrate sempre inferiori non è stato facile. Abbiamo sempre rispettato il patto di stabilità, gli equilibri di bilancio r le spese legate ai servizi sociali. Quest’anno è stato introdotto il bilancio per cassa che era stato abrogato nel 1997”. Spese azzerate  per la cultura, il turismo, lo sport. Tremilioni di mutui contratti dall’amministrazione Franchellucci e cantieri aperti per dare una piazza alla città e far lavorare le imprese edili locali. “Il nostro obiettivo – spiega Leoni  – è fare la piazza, perché è il centro città tanto atteso che Porto Sant’Elpidio merita di avere”. Mantenute le risorse per aiutare le famiglie in difficoltà Inserito il baratto amministrativo e sostegni al pagamento della Tari per le attività che non hanno mai avuto o non mettono le slot machine. “Far quadrare il bilancio è stata un’impresa titanica” dice Leoni.

Monica Leoni assessore al Bilancio

Monica Leoni assessore al Bilancio

L’attacco dell’opposizione:  “Le previsioni di entrata sono quanto mai incerte – chiosa il consigliere di Forza Italia Enzo Farina – non c’è possibilità di programmare gli investimenti ed è difficilissima l’accensione di nuovi mutui. Le nuove norme scoraggiano gli investimenti. Il debito pubblico aumenta in maniera costante e i comuni sono costretti a tagliare la spesa corrente. Siamo sotto la lente d’ingrandimento della Corte dei Conti perché facciamo spesso ricorso alle spese di cassa. Dobbiamo far rendere al massimo il nostro patrimonio pubblico, il teatro, le ville. Siamo un comune molto indebitato. Ci sono ancora 26 milioni a scadere nel tempo. Abbiamo acceso 3 milioni di euro di mutui per riqualificazione il centro ma non condivido le scelte nella priorità degli interventi”. Il consigliere dell’Alternativa Giorgio Famiglini è preoccupato per la cultura, lo sport e il turismo. “I fondi sono limitati a 15mila euro – dice – e non avere un calendario di prosa quando la stagione comincia a settembre è scandaloso”. Andrea Balestrieri di Fratelli d’Italia parla di “pagine bianche” in bilancio, di “cifre non impegnate” e di settori come la cultura e la scuola “penalizzati”. Aggiunge Balestrieri “Non si può solo vivere solo di sociale e dobbiamo anche cercare di ben ponderare le cifre sui servizi sociali. Dobbiamo analizzare il settore dei servizi sociali. Serve un controllo più accurato degli uffici e un’attività di indagine che polizia locale deve fare. Noi dobbiamo riuscire a incasellare bene i dati. Dobbiamo vedere se veramente ci sono situazioni di necessità. Un’attività d’indagine più martellante sarebbe opportuna”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X