facebook rss

Report sociale,
Porto San Giorgio investe 120 mila euro

PORTO SAN GIORGIO - Il Comune investe annualmente 120mila euro per l’assistenza a 28 alunni disabili che frequentano le scuole materne, 100mila euro per l’assistenza domiciliare agli anziani e disabili
sabato 18 giugno 2016 - Ore 11:15
Print Friendly, PDF & Email
L'assessore Francesco Gramegna

L’assessore Francesco Gramegna

Assistenza ai cittadini non autosufficienti, disabilità, lotta alle dipendenze, politiche dei minori e degli anziani. E’ lungo e articolato il report del settore Servizi sociali che illustra l’assessore Francesco Gramegna Tota. “Gli interventi messi in atto dal Comune hanno l’obiettivo il mantenimento degli standard dei servizi badando a qualità e quantità – anticipa Gramegna – . Le difficoltà quotidiane ci vedono impegnati in una estenuante battaglia: nonostante ciò riusciamo a raggiungere il nostro intento. Mi riferisco, nello specifico, a prestazioni sociali di fondamentale rilievo  per tante persone sole o per le famiglie di Porto San Giorgio che si trovano in condizione di necessità, per problematiche legate alla non autosufficienza, alla disabilità fisica o mentale, alle dipendenze patologiche, alla gestione dei minori o degli adolescenti. Non da meno sono le problematiche derivanti dalla povertà per la perdita del posto di lavoro e per la disoccupazione, per gli sfratti incolpevoli dovuti a morosità, per situazioni diverse di disagio, soprattutto degli anziani”.
Il Comune investe annualmente 120mila euro per l’assistenza a 28 alunni disabili che frequentano le scuole materne, 100mila euro per l’assistenza domiciliare agli anziani e disabili (25 unità), quella educativa e di sostegno alle famiglie affidarie (35mila euro per 4 minori), l’inserimento di minori in Comunità educativa su disposizione del Tribunale (126mila euro per 5 minori) ed il servizio Asilo nido per 28 bambini (80mila euro a fronte di un’entrata di 45mila euro). L’elenco comprende anche 45mila euro destinati alle borse lavoro a 30 soggetti con disabilità fisica e mentale, contributi ordinari e straordinari per circa 60 famiglie indigenti (75mila euro) , il sostegno a 4 centri sociali e al centro interculturale (28mila euro), le adesioni ai progetti dell’Ambito sociale (Sild, Centro Alzheimer, Informafamiglia) con 40mila euro, le convenzioni con le associazioni “Ricreatorio San Giorgio”, Caritas e associazioni di volontariato per le fortinure di pasti caldi e pacchi alimentari.
“I nuovi servizi attivati a Villa Murri stanno fruttando al Comune l’entrata derivante dall’affitto dell’immobile che, a regime, arriverà a un totale annuo di 30 mila euro. L’elenco dei servizi attualmente garantiti è lungo ma  meritevole di sottolineatura: molti non hanno la piena consapevolezza dell’impegno che l’Amministrazione comunale profonde in campo sociale, mettendo al primo posto i valori della solidarietà e della dignità. Ciò grazie alle professionalità dello staff dei Servizi Sociali, spesso in sinergia con gli altri servizi territoriali di Asur, Ambito sociale e Tribunale dei Minori”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X