facebook rss

Palazzo sgomberato:
nuova emergenza sociale

MONTEGRANARO - Che fine faranno gli inquilini di palazzo Leonbruni-Botticelli? Sarebbero 11 le unità abitative disponibili come alternativa, tutte in centro storico. Da qui la preoccupazione di alcuni residenti
martedì 28 giugno 2016 - Ore 16:20
Print Friendly, PDF & Email

12509638_1232858380064334_4298583532788886747_n b

 

di Luca Craia

blitz interforze montegranaro sgombero palazzo botticelli

Un momento del blitz

Conseguenza diretta dello sgombero in atto del palazzo Leombruni-Botticelli è che diverse famiglie di extracomunitari si troveranno a breve senza un tetto (leggi l’articolo). Questo pone un problema di ordine sociale rilevante al Comune di Montegranaro che dovrà cercare di porvi rimedio. La cosa non è semplice, nonostante vi siano circa tre mesi per trovare la soluzione, perché gli equilibri di questo paese non permettono errori.

Il Comune di Montegranaro ha a disposizione almeno otto unità abitative destinate a edilizia popolare ma utilizzabili per questo tipo di emergenze. Se vogliamo considerare anche i tre appartamenti dell’ospedale vecchio oggetto di trattativa con la Regione perché vengano destinati ad altro uso, le unità salgono a undici. Il problema, però, è che sono tutte ubicate all’interno delle mura castellane, all’interno di quel centro storico dove già, secondo i residenti, esiste una problematica relativa all’eccessiva concentrazione di cittadini extracomunitari. Si tratta di quattro appartamenti siti a pochi metri da piazza Mazzini e di altri quattro in via Castelfidardo, tutti in pieno centro storico.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X