facebook rss

SummerTam 2016, tra innovazione e tradizione

MONTE URANO/PEDASO - Due città punti di riferimento di una stagione estiva all'insegna della qualità e della sperimentazione. È su questi due assi, infatti, che si snoda la stagione del SummerTam 2016, promossa da "Tutta un'Altra Musica" in collaborazione con le rispettive amministrazioni comunali.
martedì 19 luglio 2016 - Ore 17:52
Print Friendly, PDF & Email

13434961_520191124837632_8792988465655826813_n

 

“Se quella monturanese sarà un’estate dedicata ai giovani talenti femminili, quella pedasina – fanno sapere gli organizzatori degli eventi – tornerà a connotarsi per una miscela tra suggestioni classiche e virtuosismi di matrice jazz manouche.

Partiamo da Monte Urano, che conferma come teatro all’aperto piazza Marconi.

Ad aprire il trittico di concerti sarà martedì 26 luglio Elisabetta Antonini con il suo progetto “The beat goes on”. Accompagnata da Francesco Bearzatti (sax tenore e clarinetto), Luca Mannutza (pianoforte), Paolino Dalla Porta (contrabbasso) e Marcello Di Leonardo (batteria), la pianista e vocalist presenterà un omaggio alla Beat Generation e a scrittori del calibro di Jack Kerouac, Allen Ginsberg, William Burroughs, Gregory Corso e Lawrence Ferlinghetti.

Giovedì 28 sarà la volta di Debora Petrina, cantante, pianista, compositrice e danzatrice che Paolo Fresu (che con lei ha collaborato in un album con altri jazzisti italiani) ha definito una delle più originali artiste degli ultimi 10 anni. Le sue sperimentazioni in equilibrio tra rock, jazz ed elettronica si condensano in “Be blind”, una produzione discografica che le è valsa accostamenti a stelle come Tori Amos, Kate Bush, Fiona Apple, Laurie Anderson e persino e Talking Heads.

Sara Loreni sarà sabato 30 nel centro storico del Comune calzaturiero per presentare “Loop solo”, dopo “Mentha” il suo album di esordio datato settembre 2015 al quale hanno collaborato anche Stefano Amato dei Brunori SAS, Diego Dal Bon dei Jennifer Gentle e Marcello Batelli del Teatro degli Orrori e dei Non voglio che Clara. Nelle sue 10 tracce, guidando gli spettatori con una voce di grande impatto, la Loreni (vincitrice nel 2010 del Premio Ciampi e del Premio MEI) arrivare ad immergersi in sonorità elettroniche che ammiccano anche ad artisti come St Vincent e Stereolab.

Ogni concerto a Monte Urano avrà inizio alle 21.45. Il costo del biglietto è di 10 euro, con un ridotto di 8 euro per i possessori della Marche Jazz Card.

A Pedaso il mare sarà protagonista dei due concerti scelti da Tam insieme all’assessorato alla Cultura.

Dopo la performance dello scorso anno con Giuseppe Franchellucci, anche per il 2016 si parte con un solo di violoncello dalla Spiaggia Matepaja. Domenica 7 agosto, alle 5.30 del mattino, sarà il fermano Federico Bracalente ad incantare il pubblico in un concerto all’alba ad ingresso gratuito.

Secondo e ultimo appuntamento sabato 27 agosto all’interno del Bio Festival con Welcome To The Django con il loro stile che mette in connessione influenze jazzistiche ed accenti gitani, tipiche di quel genere (il jazz manouche, appunto) che ha avuto nel chitarrista Django Reinhardt il suo massimo rappresentante.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X