facebook rss

Pronta l’inaugurazione della seconda edizione di “Carboneide, la Popsophia del mondo classico”

ORTEZZANO - il festival dedicato alla classicità greco-romana indagata con le lenti della cultura pop si svolgerà dal 29 al 30 luglio
giovedì 28 luglio 2016 - Ore 10:59
Print Friendly, PDF & Email
Roberto Mordacci

Roberto Mordacci

Si parte venerdì 29 luglio alle 18 con i saluti del sindaco Giusy Scendoni, del Consigliere Regionale Francesco Giacinti, di Carla Sagretti dell’ Ufficio Scolastico Provinciale e della direttrice artistica del festival Lucrezia Ercoli. Il programma, poi, è ricchissimo: dalla “Lectio Pop” delle 18.30 al Philoshow delle 21.30, fino al tiratardi “Latinorum” delle 23.30, Carboneide riuscirà a stupire e coinvolgere un pubblico di tutte le età.
La “Lectio Pop” è un appuntamento che vuole dimostrare come la conoscenza del mondo greco-romano non sia mera erudizione ma bagaglio indispensabile per riuscire a pensare il presente.

Francesca Boccuni

Francesca Boccuni

La prima Lectio, che si intitola “La Popsophia del mondo classico”, sarà con il noto filosofo Umberto Curi, che ha ripensato la filosofia del cinema alla luce della Poetica di Aristotele. Quest’anno non solo gli appuntamenti serali, ma anche quelli pomeridiani saranno intervallati da brani recitati e musica: l’intervento di Curi infatti sarà accompagnato dalla voce recitante dell’attrice Pamela Olivieri, che leggerà alcuni brani di Tucidide, Aristotele e Sofocle, e dalle esecuzioni musicali del cantautore Gianluca Pierini.

Umberto Curi

Umberto Curi

Alle 21.30 si accendono le luci sui Philoshow, gli spettacoli filosofico-musicali, ideati e diretti da Lucrezia Ercoli, con la nuova band di Popsophia Factory, la voce recitante di Pamela Olivieri, la regia e i video di Marco Bragaglia. Il 29 luglio va in scena il philoshow “Apollinei e Dionisiaci. Beatles vs Rolling Stones”, con i filosofi dell’Università San Raffaele di Milano (e musicisti per passione) Francesca Boccuni e Roberto Mordacci che, tramite un dialogo serratissimo, cercheranno di spiegare la sempiterna contrapposizione tra l’ordine e il caos eseguendo le canzoni delle due band che più hanno segnato la storia della musica. Hey Jude dei Beatles e Satisfaction dei Rolling Stones sono solo due esempi dei brani con cui si esibiranno i due filosofi e la band Factory.
Irrinunciabile l’appuntamento del tiratardi “Latonorum” alle 23.30 con Cesare Catà e Salvatore Patriarca: “Philofiction,

Il gruppo musicale Factory

Il gruppo musicale Factory

dall’impero romano a Game of Thrones”. Ovvero la versione del mondo greco e latino veicolata dalle serie tv amate dal grande pubblico.
Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X