facebook rss

Insegnanti di sostegno: raffica di trasferimenti dal fermano e piceno verso il nord Italia

sabato 20 agosto 2016 - Ore 16:04
Print Friendly, PDF & Email

002

 

di Luca Craia

È una situazione che sta facendo discutere quella che si sta concretizzando in questi giorni: con decisione del MIUR la quasi totalità delle insegnanti di sostegno della provincia di Ascoli Piceno e di quella di Fermo, entrambe facenti riferimento al provveditorato di Ascoli Piceno, sarà trasferita a nord, più precisamente nella provincia di Rovigo. La decisione appare insensata in quanto nel nostro territorio c’è una forte domanda di insegnanti di sostegno, con un numero di alunni che necessitano di aiuti particolari che aumentano di anno in anno. Ciononostante le insegnanti che già operano di ruolo sul territorio fermano e piceno verranno spostate e, per sopperire alla loro assenza, verranno utilizzate altre professionalità non specializzate.

Quello che non si capisce è quale sia il vantaggio: economicamente lo Stato, con questa operazione, non guadagna nulla. Nel contempo fornisce un servizio potenzialmente peggiore rispetto al passato, utilizzando personale non specializzato per svolgere compiti di grande delicatezza. Infine c’è il lato umano da non sottovalutare, con donne costrette a sradicarsi, lasciare a casa le loro famiglie, magari i figli piccoli, per andare a lavorare lontano, pagando un nuovo affitto e moltiplicando le spese familiare. In sostanza si tratta di un pastrocchio la cui motivazione rimane oscura.

È nato un comitato che si è dato il nome di “Combattenti per AP”: si tratta di un gruppo di insegnanti che sta cercando di portare il problema alla conoscenza delle cariche istituzionali del territorio. C’è già l’interessamento del Presidente della Provincia di Fermo, Aronne Perugini, che si è proposto come tramite per parlare con la Regione. Anche il provveditore di Ascoli, la dottoressa Sagretti, si sta muovendo per quanto in suo potere, richiedendo al Ministero 214 posti in deroga che consentirebbero, se venissero accettati, di fare almeno slittare di un anno la partenza verso Rovigo delle insegnanti marchigiane. Ma la decisione finale spetta al MIUR.

La preoccupazione da parte delle “Combattenti” è forte ed è umanamente comprensibile, ma anche professionalmente lodevole, visto che, il lavoro fin qui prodotto con i bambini a loro affidati rischierebbe di venire vanificato da questo proposito del MIUR. Per evidenziare la loro posizione hanno organizzato una manifestazione che si terrà il 22 agosto alle ore 10 davanti all’Ufficio Scolastico Regionale di Ancona. “Una protesta che sarà connotata da pacatezza e decoro” dicono dai vertici del comitato, ma che si spera possa sortire qualche effetto positivo. Sarebbe comunque auspicabile una presa di posizione forte al fianco delle nostre insegnanti da parte dell’intero mondo politico marchigiano, ma anche delle famiglie con bambini in età scolastica, colpite direttamente dal problema. Anche perché il tempo stringe e tra un po’ toccherà fare le valige, con grave danno per la vita delle insegnanti ma anche e soprattutto per la qualità della scuola marchigiana.

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X