facebook rss

Terremoto, la solidarietà del sistema Confartigianato

venerdì 26 agosto 2016 - Ore 15:57
Print Friendly, PDF & Email
Pescara del Tronto 2

Pescara del Tronto

Da più parti giungono aiuti concreti e gesti di solidarietà straordinari. Non mancano gesti concreti di solidarietà che si manifestano con spontanea generosità.
La Confartigianato Imprese di Ascoli Piceno  sta gestendo le numerose segnalazioni di disponibilità per fornire alla Sala operativa della Protezione Civile di Ascoli Piceno un quadro articolato e coerente, sulla base di specifiche esigenze che quotidianamente emergono.
Sono giunte disponibilità per aiuti dal sistema associativo in primis dalla sede di Confartigianato Nazionale, il presidente Giorgio Merletti ha espresso vicinanza “ai cittadini e agli imprenditori delle zone investite dal sisma e siamo già pronti a testimoniare concretamente il nostro aiuto con iniziative delle nostre Associazioni territoriali”. Anche la Federazione Regionale delle Marche ha manifestato il proprio impegno a supportare iniziative umanitarie e in favore del sistema economico locale, così come Confartigianato Ancona, Confartigianato Macerata, Confartigianato L’Aquila, Confartigianato Rieti e Confartigianato Ravenna. Quest’ultima si è attivata per mettere a disposizione di un’impresa di Arquata del Tronto un modulo abitativo per sostenere la famiglia del titolare che ha visto perdere la propria abitazione: nelle prossime ore il modulo sarà consegnato.
“Voglio ringraziare quanti ci stanno aiutando e sostenendo – riferisce Natascia Troli, presidente della Confartigianato Imprese di Ascoli Piceno e Fermo – perché è scattata un’immensa e bella gara di solidarietà in cui ciascuno da ciò che può sulla base delle proprie potenzialità e specificità. Stiamo gestendo questo mare di solidarietà che ci ha esortato a lanciare in queste ore il “Programma Solidale tra Imprese”. Siamo convinti che una volta affrontata l’emergenza umanitaria, si possa gradualmente dare continuità alla vita quotidiana anche ripartendo dal lavoro. Tutte le imprese che hanno visto interrotta la propria attività a causa del terremoto, che hanno rimesse, capannoni, botteghe, opifici ed altro inagibili, possono segnalarci ogni reale necessità per il riavvio progressivo di un sistema produttivo locale. Tutto ciò è reso possibile da una catena di solidarietà tra imprese che si sta man mano creando, grazie alla disponibilità manifestata dalle imprese associate: gli artigiani della Confartigianato mettono a disposizione dei richiedenti – a titolo gratuito – i magazzini ove stipare macchinari, scorte e quant’altro sarà possibile distaccare dai luoghi resi inagibili.”
Le segnalazioni vanno indirizzate ai numeri: 0736336402 e 3294497732 (anche con Whatsapp)
Inoltre, la Confartigianato Imprese Nazionale ha aperto un conto corrente bancario per una raccolta fondi a favore delle zone terremotate. Si riportano di seguito i riferimenti:Confartigianato Raccolta Fondi Terremoto Italia Centrale 2016Cod. IBAN: IT81H0569603224000003941X65

Il programma solidale imprese (qui il link: http://goo.gl/8gv0SK) prevede altresì servizi di trasporto di merci, prodotti e macchinari dai luoghi colpiti fino alle nuove temporanee allocazioni. Il tutto avverrà secondo tempi, modalità operative e spazi di intervento dettati dalla Sala Operativa della Protezione Civile di Ascoli Piceno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X