facebook rss

Terremoto: chiusa la Bottega delle Idee,
scuole in sicurezza

FERMO - L'unica criticità che si è venuta a creare a Fermo riguarda l'edificio che ospita la Bottega delle Idee, il Centro Socio Educativo e Riabilitativo di Via del Bastione (nei pressi dell'ex asilo nido) che ospitava le attività diurne di 16 ragazzi disabili.
martedì 30 agosto 2016 - Ore 16:26
Print Friendly, PDF & Email

 

Calcinaro Luciani Giampieri

 

di Paolo Paoletti

bottega2

I danni all’edificio che ospitava La Bottega delle Idee

A fare il punto sulla situazione degli edifici fermani dopo il terremoto e dopo lo sciame sismico di questi giorni sono stati, oggi pomeriggio, il sindaco di Fermo Paolo Calcinaro, gli assessori Ingrid Luciani e Mirco Giampieri, il dirigente Gianni Della Casa, Alessandro Paccapelo dell’ufficio tecnico comunale ed i responsabili del settore servizi sociali. “Con l’assessore Luciani  – racconta Calcinaro – abbiamo vissuto le prime 48 ore dell’emergenza dalla sala della protezione civile. Un elogio va fatto per prima cosa all’ufficio tecnico comunale che già subito dopo la prima scossa si è mosso per il controllo degli edifici sensibili. Un controllo costante che è proseguito anche nei giorni successivi”.

Al centro dell’attenzione ci sono le scuole: “Sono state effettuate le verifiche agli edifici scolastici e non risultano esserci pericoli” spiega il sindaco. Assessore ai Lavori Pubblici Luciani che aggiunge: “La settimana prima dell’inizio delle lezioni provvederemo ad un nuovo controllo complessivo per garantire una maggiore sicurezza”. Un lavoro di squadra anche con i dirigenti scolastici, sottolinea il dirigente Gianni Della Casa, con il personale di segreteria già tornato al lavoro.

L’unica criticità che si è venuta a creare a Fermo riguarda l’edificio che ospita la Bottega delle Idee, il Centro Socio Educativo e Riabilitativo di Via del Bastione (nei pressi dell’ex asilo nido) che ospitava le attività diurne di 16 ragazzi disabili. “Abbiamo trovato un edificio in sofferenza – spiega Calcinaro – da qui la decisione di chiuderlo. Tra l’altro lo stabile in questione già doveva essere al centro di un intervento di consolidamento”.

“Si tratta di un edificio degli anni ’60 – spiega l’assessore Ingrid Luciani – realizzato in cemento e calcestruzzo armato. Si tratta di lesioni già esistenti che si sono approfondite. Era prevista a breve una gara per il suo recupero, ora, dopo quanto avvenuto, acceleriamo i tempi per avviare le procedure d’appalto”.

Amministrazione che non si è fatta trovare impreparata. Subito è partito il piano B. “La priorità era garantire il servizio” ha detto l’assessore ai Servizi Sociali Giampieri. Da qui la decisione di trasferire temporaneamente la Bottega delle Idee a Montapacini per tutto il mese di settembre, per poi farle trovare una nuova casa in Via Visconti d’Oleggio, ovvero in quella che è l’ormai ex sede del Centro Montessori. Montessori che, dai primi di ottobre, troverà la sua nuova sistemazione definitiva presso la  struttura di San Claudio.

Per quanto riguarda gli edifici sacri, alcuni distacchi esterni hanno interessato la chiesa della Misericordia e di San Pietro. Diversa la situazione del Carmine, il cui tetto presentava già problemi prima del sisma.

Calcinaro Luciani Giampieri Paccapelo 2

bottega4

bottega1

bottega3

bottega5


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X