facebook rss

Carcere e divieto di ritorno
nei Comuni terremotati
per i due “sciacalli”

martedì 6 settembre 2016 - Ore 10:08
Print Friendly, PDF & Email

 

Il questore Della Cioppa ed il prefetto Di Lullo

Il questore Della Cioppa ed il prefetto di Fermo Di Lullo

Il Questore delle province di Ascoli Piceno e Fermo,  nell’ambito dei servizi di ordine e sicurezza pubblica e delle iniziative volte alla prevenzione e repressione dei fenomeni di “sciacallaggio” connessi con l’emergenza sisma, ha tempestivamente adottato le misure di prevenzione del rimpatrio con foglio di via obbligatorio e divieto di ritorno nei comuni di Arquata del Tronto, Acquasanta Terme, Montegallo, Ascoli Piceno, Comunanza, Force, Montemonaco, Roccafluvione, Venarotta, Amandola, Montefortino e Montottone  per la durata di tre anni, nei confronti di due pregiudicati residenti a Roma, M.S., 40enne e P.M., 46enne, tratti in arresto nella nottata del 3 settembre dai carabinieri di Acquasanta Terme per essersi introdotti  all’interno della tendopoli “Parco Rio” di quel Comune.

carabinieri arresto

Lì avevano trafugato da un container adibito a magazzino, abiti destinati alla popolazione colpita dall’evento sismico del 24 agosto e divise della Protezione Civile. Tutto caricato a bordo di un’autovettura monovolume, opportunamente camuffata con scritte e loghi afferenti la Protezione Civile della regione Lazio. Oggi, all’esito dell’udienza di convalida dell’arresto da parte del gip, gli stessi sono stati trasferiti nella Casa Circondariale di Ascoli Piceno per applicazione della custodia cautelare in carcere.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X