facebook rss

La Fermana pensa già al derby di Civitanova

Flavio Destro: "Sarà un'altra gara molto difficile, ma dobbiamo imparare a chiudere le partite". Si temono sanzioni del giudice sportivo per la rissa finale. Le immagini della gara danno ragione all'arbitro: il rigore non c'era. Prolungata la campagna abbonamenti.
martedì 13 settembre 2016 - Ore 18:49
Print Friendly, PDF & Email

comotto-abbonamenti

FERMO. La soddisfazione per aver centrato all’esordio in casa il primo successo stagionale lascia subito il passo alla settimana che porta al derby, probabilmente più sentito di questo campionato, contro la Civitanovese. I rossoblù si trovano a 4 punti come la Fermana nel gruppo di squadre che inseguono il Matelica che, dopo due turni, è l’unica squadra a viaggiare già a punteggio pieno. Assieme a canarini e rossoblù, anche San Nicolò e le matricole Vastese e Pineto. I gialloblu devono mantenere contatto con la vetta e dopo il derby del Polisportivo salirà a Fermo proprio la Vastese, un imprevedibile e inedito scontro diretto al vertice. Nella Civitanovese allenata da Caneo sono in dubbio i due colored: Wade (centrocampista) ed Enow (difensore); domenica la Fermana ritroverà Giuseppe Negro, in gialloblu tre anni fa ma l’ex di lusso sarà proprio Marco Comotto (alla Civitanovese nel 2013/14 con ben 3 gol) che proverà a ripetersi e fare uno “scherzetto”.

A Fermo preoccupano le possibili sanzioni del giudice sportivo per la rissa nel finale tra uno steward della Fermana e il giocatore del Castelfidardo Gaeta, un pessimo inizio di campionato. Sembra che l’arbitro abbia scritto tutto nel referto, domani  pomeriggio uscirà il comunicato.

Tornando alla partita contro i biancoverdi, l’esame a freddo delle immagini del contestato episodio finale danno ragione all’arbitro, lo scontro tra Soragna e Misin non era da rigore, in quanto si vede bene che Soragna, nel puntare l’area, anziché scartare il difensore gli va addosso, mentre Misin è fermo, quindi è corretta l’interpretazione dell’arbitro.
Festa in casa Comotto per il bel gol, il primo in maglia canarina in ben 28 gare, e poco prima c’era già andato vicino, e solo un salvataggio sulla linea a portiere battuto ha evitato la anticipata capitolazione del Castelfidardo.
Oggi ripresa degli allenamenti al “Recchioni” al completo.

 

flavio-destroL’allenatore della Fermana, Flavio Destro, torna su quel quarto d’ora finale della squadra chiarendo perché non gli è piaciuto: «Dopo l’1-0 abbiamo avuto molto spazio per chiudere la partita e invece non l’abbiamo sfruttato, rischiando il pareggio. Eco il motivo delle mie critiche alla squadra sul finale che non mi è andato bene». Sulle poche conclusioni di Molinari, il mister ha detto: “Abbiamo tante soluzioni e le adottiamo, domenica avevamo poco spazio, il Castelfidardo si difendeva bene con ben cinque uomini ed inoltre molti nostri giocatori non sono al top. Filipponi davanti alla difesa a disturbare il nostro trequartista me lo aspettavo”. Poi Flavio Destro parla della prossima partita: “È un’altra gara molto difficile, se una squadra neopromossa dopo due partite ha fatto già quattro punti significa che non ha risentito il cambio di categoria. Il fatto che abbiano quasi tutti giocatori e allenatore nuovi per questo girone non significa niente”.

Prolungata la campagna abbonamenti – La Fermana F.C. Ha deciso che le tessere potranno essere acquistate negli esercizi convenzionati fino al 24 settembre e daranno diritto di assistere a tutte le partite interne dei gialloblu eccezion fatta per la sola giornata canarina (data ancora da decidere).

Paolo Bartolomei

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X