facebook rss

Derby -2, Simoni: “Vincano il divertimento, la correttezza e lo sport”

Le parole del presidente della Fermana alla vigilia del derby. La società gialloblu non proporrà ricorso contro multa e diffida. 10 e 5 € il prezzo dei biglietti in prevendita. L'ex Negro: "A Fermo sono stato bene, è una grande piazza, ma noi vogliamo vincere". Il 28 settembre di nuovo a Civitanova in Coppa.
venerdì 16 settembre 2016 - Ore 15:54
Print Friendly, PDF & Email

 

simoni_umberto_presidente1

 

FERMO – Si avvicina il derby di Civitanova. Al Polisportivo domenica botteghini chiusi per la tifoseria fermana, lo hanno deciso l’Osservatorio e la Questura di Macerata. Prevendita obbligatoria nominativa a Fermo; prezzi: intero €10, ridotto donne e under 16 €5. I biglietti si acquistano solo presso il Fermana Store di Piazza Sagrini, oggi pomeriggio fino alle 20 e domani con orario continuato dalle 11 alle 20.
Questa mattina si è tenuto il “tavolo tecnico” tra i dirigenti delle due società, i vertici delle Forze dell’Ordine delle due province e delle due Prefetture di Fermo e Macerata per organizzare la trasferta. Per la Fermana hanno partecipato il presidente Umberto Simoni e il direttore generale Fabio Conti.

Intanto la Fermana F.C. nella riunione di ieri sera, tra le tante altre cose, ha anche affrontato il problema della maxi multa di tremila euro e della diffida allo Stadio Recchioni dopo il finale infuocato di domenica scorsa, e ha deciso di non proporre ricorso. Ricordiamo che, anche in presenza di immagini televisive che smentiscano quanto riportato nel referto arbitrale, è quest’ultimo documento la prova principale su cui si basa la Giustizia sportiva, quindi sarebbero state poche le possibilità di vincere il ricorso. La società canarina probabilmente punta a migliorare il servizio d’ordine interno e renderlo più efficente.

La squadra gialloblu dovrà tornare al Polisportivo di Civitanova anche mercoledì 28 settembre, ore 15, per la prima di Coppa Italia di serie D sempre contro la Civitanovese (gara unica senza ritorno).

Il Presidente Umberto Simoni, dopo il tavolo tecnico di stamattina, rivolge congiuntamente alle tifoserie gialloblu e rossoblu un saluto e un augurio: “Prima di tutto deve essere un bel pomeriggio di sport – ha detto il numero uno gialloblu – poi sarà il campo a stabilire chi tra le due squadre meriterà la vittoria. Noi ci teniamo tantissimo a fare un bel risultato e rispettiamo enormemente il valore del nostro avversario. Il calcio è qualcosa di bellissimo, ma è pur sempre un gioco; deve trasmettere soprattutto ai più giovani valori sani come la lealtà e la sportività. Ci aspettiamo una partita sentita e difficile ma corretta, a vincere devono essere soprattutto il divertimento e il piacere di andare allo stadio a vedere due belle squadre del territorio che si sfidano in un torneo importante come sicuramente è la Serie D di quest’anno”.

negro_giuseppe-05

Capitano della Civitanovese ed ex della partita (alla Fermana nel 2013/14), l’attaccante Giuseppe Negro (foto sopra dopo un gol con la Fermana): “Domenica sarà un derbyssimo. Sono stato a Fermo un anno, ho un ottimo ricordo di quell’ambiente. Una città, una piazza ed una tifoseria con la quale mi sono trovato bene”. Questo il ricordo di Negro, che ora però pensa solo ed esclusivamente da capitano rossoblu. “Noi guadiamo partita dopo partita, questa sarà la nostra forza per tutta la stagione. Dobbiamo scendere in campo per imporre il nostro gioco, chiunque sia il nostro avversario che sia il San Marino, l’Agnonese o la Fermana”. Un capitano quello rossoblu che non si nasconde: “Domenica avremo difronte una squadra tosta, sarà una partita dura. Sicuramente sarà una bel match, sperando di vedere una grande cornice di pubblico. Dalla Fermana io ruberei Molinari. Aldilà dei singoli, sono una bella squadra completa, ma oltre questo discorso il nostro obiettivo finale è chiaramente quello di poter vincere”.

Non solo calcio nella vita del capitano, che pensando a quando appenderà le scarpette al chiodo mostra di avere già le idee chiare: “Una volta chiuso col calcio, penso di tornare a Lecce, con i miei genitori, la mia famiglia a lavorare gli Ulivi e gestire un’edicola”.

In realtà Negro e Comotto (a casacche invertite nello stesso anno) non sono gli unici ex della gara, c’è anche l’addetta stampa della Fermana, Marta Bitti, che due anni fa (2014/15) era l’addetta stampa del club rossoblu, ed ora da più di un anno energica ed instancabile responsabile della comunicazione e dell’ospitalità domenicale in casa canarina.

Paolo Bartolomei


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X