facebook rss

La Fermana vuole la prima vittoria della storia a Civitanova

sabato 17 settembre 2016 - Ore 12:52
Print Friendly, PDF & Email

civitanovese-fm-1

FERMO – Domani, ore 15, allo Stadio “Polisportivo” di Civitanova va in scena il 25° derby della storia tra Civitanovese e Fermana. Entrambe sono appaiate a 4 punti in classifica, nel gruppone che segue il Matelica, unica squadra a punteggio pieno. I rossoblu hanno vinto in casa contro San Marino (2-1) e poi pareggiato ad Agnone (1-1). La Fermana ha pareggiato (0-0) la prima a San Nicolò e vinto in casa contro Castelfidardo (1-0). Entrambe imbattute, ma solo la Fermana ha subito zero reti.

L’allenatore gialloblù Flavio Destro dovrà rinunciare ancora allo squalificato Tristano (terza giornata di cinque per lui, ereditate dallo scorso campionato) e a Sene (publagia in fase di guarigione). In mancanza di questi due terzini la soluzione potrebbe essere analoga a quella di sette giorni fa con l’esperto e versatile Misin arretrato sull’esterno destro della difesa e il bravo rumeno Ispas, prelevato dal settore giovanile della Fermana, a sinistra, con Comotto e Bossa centrali. Per il resto con la restante rosa che sembra disponibile, dovrebbero essere confermati lo schema (4-2-3-1) e la formazione che ha battuto il Castelfidardo: Urbinati e Mane (oppure Omiccioli) sulla mediana, Petrucci (oppure Mariani) e Russo esterni, Margarita dietro a Molinari unica punta con l’inserimento della seconda punta Cremona in corso di gara se Destro lo ritenesse necessario.

Rifinitura sul sintetico di Capodarco quest’oggi per i canarini. Flavio Destro  al termine della seduta odierna ha analizzato la situazione: “Ci siamo preparati per questa gara difficile e impegnativa, sentitissima da parte del nostro pubblico, con il solito impegno e la solita voglia di non trascurare alcun dettaglio. Noi in campo cercheremo come sempre di onorare la maglia e di fare una buona prestazione, inseguendo una vittoria che sarebbe una grande gioia per il nostro pubblico e una grande iniezione di fiducia e morale per il nostro gruppo – ha dichiarato il tenico – La Civitanovese ha in classifica i nostri stessi quattro punti, frutto di due ottimi risultati: è una matricola che fa dell’entusiasmo una delle sue armi migliori, insieme a degli elementi di sicura qualità come Negro e Barbosa che possono fare la differenza in qualsiasi momento e organico. Si giocherà sicuramente davanti ad una importante cornice di pubblico: come ha detto il nostro presidente, speriamo che prevalga il buonsenso e che in campo e sugli spalti si possa vivere un bel pomeriggio di spettacolo e sport”.

Sull’altro fronte c’è una Civitanovese totalmente rinnovata rispetto alla squadra che ha vinto il campionato di Eccellenza (sono rimasti solo due under locali), molti giocatori poco conosciuti in questo girone come l’allenatore Bruno Caneo che non ha mai allenato nel girone F. Ad allestirla il direttore generale Mario Cerolini, fratello del patron Giuseppe che non può seguire le partite allo stadio essendo agli arresti domiciliari per le note vicende giudiziarie.

Mister Caneo convoca tutti ma si riserva solo in extremis di decidere se far giocare un paio di giocatori acciaccati. Il dubbio più rilevante è il portiere Vassallo che è un ’98 e che, reduce da una contusione, se non dovesse esser schierato, cambierà al mister tutto l’incastro degli under perché il secondo portiere è un ’96.Il regolamento quest’anno prevede in campo un ’98, due ’97 e un ’96. 

Il tecnico rivierasco non nega le difficoltà del derby: “Sarà una partita complicata, nella quale andiamo ad affrontare una squadra struttura, ben organizzata e formata da vari elementi validi. Comotto, Urbinati, Molinari e Margarita sono i più esperti, ma anche una componente di under che hanno buone qualità come Valentini e Petrucci. I nostri dubbi verranno sciolti solo all’ultimo minuto” spiega il coach rossoblu. “Abbiamo studiato la gara e l’avversario in ogni minimo dettaglio – afferma il mister – noi dobbiamo restare umili, quindi è ovvio che abbiamo osservato attentamente i nostri avversari”. Poi il tecnico rossoblu conclude: “I derby si vincono, sarebbe del tutto inutile dire altro. E’ una partita diversa dalle altre, che si porta dietro una parte emotiva e competitiva totalmente diversa da ogni altra gara. Al nostro pubblico vogliamo regalare la seconda vittoria in casa”.

I convocati della Fermana – Amendola, Bossa, Comotto, Cremona, Erroi, Ferrante, Forò, Ghiani, Ispas, Maghzaoui, Mane, Margarita, Mariani, Marti, Misin, Molinari, Omiccioli, Petrucci, Polverino, Russo, Urbinati, Valentini.

 

civitanovese-fm-2

Precedenti – A Civitanova la Fermana non ha vinto mai sul campo, ma una sola volta a tavolino 0-2 nel 1957 (sul campo finì 1-1), poi si registrano 14 vittorie dei rossoblu e 9 pareggi. Le due squadre si sono incontrate due volte in serie C unica, una sola in C2, due in Promozione regionale e ben 19 in serie D. Negli ultimi due incontri più recenti in D (a cui si riferiscono le  foto) un pareggio (0-0) tre anni fa e una vittoria rossoblu (3-1) due anni fa.  I due capitani Negro e Comotto i due ex.

Arbitro – Enrico Bertozzi della sezione di Cesena, terzo anno di D, nessun precedente con entrambe le contendenti.

Prevendita obbligatoria – Aperto fino alle ore 19 di oggi il Fermana Store (Piazza Sagrini) per acquistare i biglietti per il settore ospiti (prezzo 10€, ridotti 5), per la prevendita obbligatoria nominativa per i tifosi fermani: domani a Civitanova botteghino settore ospiti chiuso. Per acquistare il biglietto è necessario esibire un documento di identità valido. I tifosi gialloblu si radunano alle 13.30 allo stadio di Fermo e da lì partiranno con auto proprie.

Paolo Bartolomei

554787_564086027040447_2092303749_n


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X