facebook rss

Fermana, Petrucci: “Ci toglieremo grandi soddisfazioni”. L’ex ds Rosati: “Questa squadra farà punti ogni domenica”

L'analisi del derby vinto domenica nelle parole dell'esterno offensivo che ha spaccato la gara con una doppietta ed un assist. Gli fa eco lo storico dirigente, ex di entrambe le squadre.
lunedì 19 settembre 2016 - Ore 23:33
Print Friendly, PDF & Email

petrucci_andrea06

FERMO – Oggi ripresa del lavoro con un bel clima in casa gialloblù, la Fermana ha vinto e convinto vincendo largamente nel derby più importante del girone; anche l’allenatore della Civitanovese, Caneo, ha detto che la Fermana ha meritato il successo.

Più felice di tutti è Andrea Petrucci, autentico matador della domenica: ha effettuato l’assist per la prima marcatura di Molinari, ha procurato il rigore, ha siglato il secondo e il quarto gol ed è stato per 97′ una spina nel fianco degli avversari: “Abbiamo fatto un’ottima prestazione, abbiamo dato tutto. Questo è lo spirito giusto – ha detto al termine il giocatore con la maglia numero sette – ci impegneremo per vincere sempre e continuando così ci toglieremo grandi soddisfazioni. Siamo un bel gruppo: lavoriamo tanto e bene in settimana, siamo uniti ed è un piacere impegnarsi per mettere l’allenatore in difficoltà nello scegliere la formazione la domenica”.

Cremona lo aveva promesso due settimane fa: “Siamo un gruppo affiatato, quando ci sbloccheremo faremo un ottimo campionato” e forse quella di Civitanova è solo la prima partita.

Domenica prossima arriva a Fermo la Vastese che col pareggio interno di domenica è stata sganciata dal gruppo di inseguitrici e adesso segue la Fermana, vicecapolista, a due punti di distacco. In tre partite gli abruzzesi hanno subito ben 6 gol ma ne hanno realizati 10. La Fermana 5 fatti e 2 subiti.

rosati_gianni3

Domenica, spettatore in tribuna al Polisportivo c’era Gianni Rosati, legato ad entrambe le squadre: in gioventù ha tirato i primi calcio proprio nella Civitanovese (dove il padre Armando ha giocato e allenato a lungo), mentre a Fermo è stato direttore sportivo nella fase iniziale degli anni migliori (dal 1994 al 1997, anche se il suo lavoro ha lasciato il segno per i due anni successivi) e ha anche studiato per ben otto anni tra scuole medie e superiori.
“La Fermana è stata più attenta e compatta, la Civitanovese più sbarazzina ma meno attenta. I canarini hanno vinto sugli errori della Civitanovese che mi è parsa una squadra troppo eterogenea – è l’analisi del direttore sportivo – e ha commesso troppi errori di posizione tra giocatori e reparti, due difensori loro giocavano alti e speso non rientravano”. Poi Rosati fa una valutazione di più ampio raggio: “La qualità della partita non è stata esaltante, ma è il linea con il livello del campionato che è sceso, come anche in serie C e in B. In serie D il problema è quello dei fuori quota: sei obbligato a farne giocare quattro ma non sempre riesci a trovare giocatori di qualità, è difficile fare la ricerca, oppure devi fare un lavoro preventivo con il settore giovanile, e non tutti lo sanno o vogliono fare, mentre dai vivai importanti di serie A non li mandano in D”. Infine il popolare Gianni chiude con i complimenti “Destro è l’allenatore giusto, questa squadra farà punti ogni domenica. Mi ha impressionato la tifoseria della Fermana mentre da quella di Civitanova mi aspettavo qualcosa in più”.

Paolo Bartolomei

petrucci_andrea07

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X