facebook rss

Corecom, maggioranza spaccata, la Marcozzi: “Organismo Pesarocentrico”

POLITICA - I consiglieri di minoranza: "Anche in questo caso la maggioranza, dopo essersi riempita la bocca sull’importanza del Corecom, si è trovata costretta a confrontarsi con un’inaccettabile corsa alle poltrone"
martedì 27 settembre 2016 - Ore 13:20
Print Friendly, PDF & Email

consiglio-regionale-ceriscioli

“La maggioranza si dimostra, ancora una volta, spaccata e inconcludente. L’ennesima dimostrazione della sua precarietà arriva dalla gestione del nodo Corecom. Ora si rischia anche di costituire, se dovesse passare la linea presidenziale, un organismo totalmente ‘Pesarocentrico’ quando invece una simile istituzione dovrebbe essere quanto più rappresentativa possibile dell’intera regione. E come se non bastasse a remare contro la linea presidenziale vi è quella dell’Assessore al Bilancio, Fabrizio Cesetti, che preme per il suo nominativo fermano. Insomma totale sbilanciamento da una parte, imbarazzanti gaffe dall’altra con un’Amministrazione a guida Pd che si è messa, con le sue stesse mani, in un avvilente cul-de-sac. “. Così i consiglieri capigruppo di minoranza in consiglio regionale Mirco Carloni (Ap-Marche2020), Elena Leonardi (FdI), Jessica Marcozzi (FI), Luigi Zura Puntaroni (Lega nord).

“Dunque ci risiamo – scrivono –  E nessuno si azzardi a imputare, pur di gettare fumo negli occhi ai cittadini, alcuna responsabilità all’Opposizione. Due settimane fa, infatti, dall’Assemblea è stata ritirata una PdL perché la maggioranza non ha trovato l’accordo su alcuni emendamenti che prevedevano l’innalzamento da 3 a 5 del numero dei suoi componenti, la modifica delle indennità degli stessi e la proroga a dicembre per il loro rinnovo. E così quella PdL è stata rispedita in Commissione. Martedì scorso una nuova frattura in Maggioranza, questa volta sui nomi da proporre. Dopo il caso Capozza e le dimissioni del presidente Colonnella, si doveva procedere immediatamente alle nuove nomine. Ma anche in questo caso la maggioranza, dopo essersi riempita la bocca sull’importanza del Corecom, si è trovata costretta a confrontarsi con un’inaccettabile corsa alle poltrone mettendo in luce tutte le sue fratture interne e dando vita all’ennesimo caso di paralisi amministrativa a nocumento dell’intera regione”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X