facebook rss

Il Montani tra il saper fare
e il saper essere, con la novità
del laboratorio di Agronomia

giovedì 12 gennaio 2017 - Ore 12:44
Print Friendly

di Andrea Braconi

Oltre al sapere, la nostra forza è il saper fare. E con una tecnologia sempre più pervasiva, è fondamentale che i ragazzi dai 14 ai 19 imparino a saper realizzare per sapere essere cittadini. È il nodo centrale dell’intervista con la dirigente scolastica Margherita Bonanni per raccontare l’Istituto Tecnico Tecnologico Montani di Fermo, a poche ore dall’iniziativa “Scuola Aperta” ideata per permettere di conoscere da vicino le eccellenze di questa storica realtà.

Come si presenta il Montani a questo appuntamento?

“La nostra scuola si presenta con una ricchissima offerta formativa, supportata da un’eccezionale numero di laboratori estremamente attrezzati e innovativi. La forza del Montani è sempre stata questa: abbiamo cercato in tutti i modi, con aiuti di imprenditori, ex allievi, privati e istituzioni di puntare sulla ricchezza di questi spazi dove poter fare ricerca.”

Parliamo di questi laboratori.

“Innanzitutto, parliamo dei due nuovi laboratori di Robotica ed Automazione, innovativi perché sul territorio non c’è scuola che li abbia e, come ci è stato detto dai nostri fornitori, non c’è istituto tecnico in tutta Italia che ne abbia due, uno da poter dedicare alla programmazione per attività di automazione e un altro per quelle di robotica. Poi sappiamo che c’è un laboratorio di Navigazione e conduzione del mezzo navale con un ponte di comando che simula una vera e propria nave, con la quale si possono riprodurre e modellare porti di tutto il mondo in modo reale. Ci si abitua a navigare in varie condizioni meteorologiche e a fare esercitazioni in casi di emergenza, di incendio, di sversamento di greggio in mare, collisioni, etc. Poi c’è un laboratorio che possiamo definire chimico, biologico e di
agraria, diffuso tra Fermo e Montegiorgio, con un grandissimo progetto di supporto al laboratorio della dieta mediterranea nato proprio a Montegiorgio, tutti spazi di livello altissimo e che ci permettono di fare ricerca. Un progetto presidiato dalla Dottoressa Cecchi, una ricercatrice con 89 pubblicazioni ed un curriculum eccezionale, che sta ottenendo ottimi risultati con i ragazzi. C’è anche un nuovo laboratorio di Microscopia, che non hanno neanche le Università, con 24 microscopi Zeiss ad alta risoluzione, molto efficaci didatticamente ma anche a livello di ricerca. E tra poco – e questa è una novità – a Montegiorgio inaugureremo un laboratorio di Agronomia, che era assolutamente necessario e su cui ci siamo molto impegnati, con un investimento cospicuo da risparmi della scuola, e ci siamo riusciti: oltre 30.000 euro per uno spazio che sarà sfruttato al massimo, pur non essendo enorme.”

Quanti studenti sono attualmente iscritti tra Fermo e Montegiorgio?

“In questo anno scolastico a Fermo ne abbiamo 1.550, ai quali si aggiungono i 100 di Montegiorgio, per un totale di 1.650 alunni.”

Per quanti indirizzi?

“Sono 6 indirizzi e 12 articolazioni, quest’anno una in più perché insieme al Navale partirà l’Aeronautico. È stato approvato dalla rete scolastica della Provincia, stiamo aspettando l’ok della Regione ma penso che non ci saranno problemi.”

Ma nella vostra offerta formativa c’è molto altro.

“C’è tutto un clima da parte dei docenti di didattica innovativa, di accoglienza, di recupero per gli studenti che hanno problemi, di attenzione alla persona, di supporto. C’è un bellissimo progetto sulla legalità che coinvolge anche i genitori, un altro sul cyberbullismo e molto di più. Ci stiamo muovendo a 360 gradi perché i ragazzi che vengono sono delle persone, non sono solo tecnici, ed è quindi necessaria un’estrema attenzione. Devono saper diventare cittadini corretti, deontologicamente preparati, che sappiano capire quali sono i limiti. Ad esempio, abbiamo dei bravissimi informatici ed è normale che questa loro preparazione debba andare di pari passo con l’etica della professione. E a proposito di informatica, mi viene in mente questo progetto nuovo, che si chiama Digital Strategies, che unisce le competenze informatiche a quelle di grafica e di comunicazione. Si esce da qui con competenze molto più moderne ed accattivanti per le aziende, considerato che tutte oramai si promuovo sul web. A tal proposito, faremo dei corsi di grafica per far emergere periti informatici competenti non solo nella creazione di software ma anche in quella di prodotti grafici e filmati di alta qualità. Avremo una manifestazione al Teatro dell’Aquila, denominata “Salieri contro Mozart”, con il Maestro Sorichetti e la proiezione di un filmato che mostra cosa i nostri ragazzi sanno fare con la grafica facendo rivivere questo scontro in chiave moderna, esaltando i principi di fratellanza, morali ed etici, così come le finalità importanti del vivere civile.”

SCUOLA APERTA, GLI APPUNTAMENTI:

ITIS MONTANI (Fermo)

Sabato 14 Gennaio ore 15-20

Domenica 15 Gennaio ore 9.30-13 e 15-20

Sabato 28 Gennaio ore 15-20

Domenica 29 Gennaio ore 9.30-13 e 15-20

AGRARIA (Montegiorgio)

Sabato 21 Gennaio ore 10-13 e 15-18.30

Domenica 22 Gennaio ore 10-13 e 15-18.30

Domenica 5 Febbraio ore 10-13 e 15-18.30

INFO:

tel. 0734.622632 (digitare Ufficio Affari Generali)

www.istitutomontani.it


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X