facebook rss

Fiumi a rischio, attivata la fase preventiva per l’Ete Morto

SANT’ELPIDIO A MARE – Questa mattina il Sindaco ha inviato una missiva nella quale ha chiesto che vengano al più presto effettuati controlli relativi all’eventuale presenza, nell’alveo del fiume, di elementi che possano ostruire il regolare deflusso delle acque
venerdì 20 gennaio 2017 - Ore 15:53
Print Friendly

L’attenzione sul fronte del livello dei fiumi è sempre stata alta nel territorio elpidiense e l’Amministrazione Comunale ha lavorato, nel tempo, per attivare un tavolo di concertazione attorno al quale sedere con tutti gli Enti competenti in materia.

Oggi, alla luce delle condizioni meteo che hanno interessato diversi territorio limitrofi, l’Amministrazione Comunale ha preso delle iniziative concrete pensando all’acqua che potrà arrivare sul fiume Ete Morto nel momento in cui si scioglieranno le nevi che hanno martoriato, in questi giorni, le zone limitrofe.

Questa mattina il Sindaco ha inviato una missiva al Consorzio di Bonifica delle Marche, al Genio Civile, al S.O.I. ed al S.O.U.P. – nonché, per conoscenza, al Prefetto di Fermo ed ai Comuni attraversati dall’Ete Morto – nella quale ha chiesto che vengano al più presto effettuati controlli relativi all’eventuale presenza, nell’alveo del fiume, di elementi che possano ostruire il regolare deflusso delle acque.

“E’ indispensabile verificare che non vi siano ostacoli al regolare passaggio delle acque sull’Ete Morto – dice il Sindaco che già da ieri mattina si è attivato per effettuare controlli – e confido in un riscontro urgente da parte degli enti interpellati. Non vogliamo trovarci tronchi sotto alle campate dei ponti che potrebbero comportare esondazioni dell’Ete Morto. Da parte nostra abbiamo provveduto, questa mattina, a verificare il funzionamento del dispositivo di allarme che si attiva nel momento in cui le acque del fiume dovessero alzarsi ed anche a rimuovere ciò che potrebbe, in alcuni particolari punti, rappresentare un ostacolo. In questi giorni ci siamo messi in moto in maniera preventiva ma va detto che siamo attenti, già da tempo, su questo fronte avendo attivato a suo tempo anche un tavolo di lavoro assieme ad Enti superiori e altri Comuni che, anche stavolta, abbiamo ritenuto opportuno coinvolgere. Fortunatamente l’emergenza neve non ci ha riguardati da vicino ma, di riflesso, siamo consapevoli che il nostro fiume dovrà raccogliere le acque che si alimenteranno con lo scioglimento della neve pertanto ci siamo messi in moto in via preventiva. Il Gruppo Comunale di Protezione Civile è sempre in allerta, così come i militi della Croce Azzura, per attivarsi nel caso di emergenze”.

I volontari della Protezione Civile, in particolare, in questi giorni sono impegnati anche su fronti esterni a quelli comunali.
“Nella giornata di ieri alcuni nostri volontari sono stati impegnati in aiuto al comune di Montelparo – dice il Sindaco – e si tratta di Gianni Scoccia, Roberto Ercoli e Marco Berti Giudotti. Oggi, gli stessi volontari assieme a Sergio Consorti, sono impegnati a Falerone con la nuova turbina. La mobilitazione è generale, per andare in aiuto ai Comuni che si trovano in difficoltà e ringrazio i nostri volontari per la disponibilità e l’impegno, che non mancano mai”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X