facebook rss

Al via i corsi di Cvm
per diventare tutori di resilienza

PORTO SAN GIORGIO - Grande partecipazione con 240 fra genitori, docenti ed educatori coinvolti. Gli incontri si terranno dal 20 febbraio al 4 marzo in scuole e camping del territorio fermano. I corsi sono tenuti dai professionisti di RIRes, l’Unità di ricerca sulla resilienza dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
giovedì 16 febbraio 2017 - Ore 20:22
Print Friendly

La ong CVM, Comunità Volontari per il Mondo, ha coinvolto quasi 240 fra docenti, genitori ed educatori nei corsi per “tutori di resilienza” che dal 20 febbraio al 4 marzo si terranno in scuole e camping che accolgono sfollati nella provincia di Fermo e Ascoli Piceno. Incontri mirati a formare figure educative per il sostegno, sia a scuola che in famiglia, di figli e studenti colpiti dal trauma del terremoto. Per ridare fiducia e ottimismo nel futuro ai più piccoli.

Gli incontri, organizzati dalla ong marchigiana CVM – fanno sapere dalla Comunità Volontari per il Mondo – sono tenuti dai professionisti di RIRes, l’Unità di ricerca sulla resilienza dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, specializzata proprio nel supporto alle comunità colpite da cataclismi. RIRes è già intervenuta per i terremoti dell’Aquila, Emilia e Lombardia. E in vari contesti internazionali di crisi e calamità, come Haiti, Palestina, Tibet, Mali. I corsi, che hanno riscosso grande attenzione e affluenza di iscritti, sono stati realizzati grazie alla solidarietà dei donatori che hanno aderito alla campagna di Natale 2016 ‘Lenticchie della speranza’, organizzata da CVM nelle Marche e non solo, con l’offerta di prodotti gastronomici dalle zone terremotate. Oltre che da CVM e RIRes, gli incontri per “tutori di resilienza” sono realizzati in collaborazione con l’Associazione Francesco Realmonte Onlus, Caritas Fermo, e col supporto della Fondazione Fratelli Dimenticati. Fondamentale è stata la collaborazione degli istituti scolastici. Partecipano agli incontri, docenti e genitori degli ISC di Comunanza, Montefortino, Amandola e di Porto Sant’Elpidio. I corsi si tengono anche ai residence Holiday e La Risacca di Porto Sant’Elpidio, dove vivono docenti e famiglie sfollate. Coinvolti anche educatori che già operano a sostegno dei terremotati. CVM crede nella capacità, nella forza e nel coraggio delle persone di affrontare le emergenze e le calamità più gravi, e mira a dare loro quegli strumenti in più di cui possono avere bisogno. Con la sua lunga esperienza in Africa, CVM si è misurata con le emergenze di differenti comunità ed ha potuto sempre vedere che le forze di miglioramento sono tutte all’interno delle comunità stesse e delle proprie istituzioni”.

“La resilienza è la capacità umana di affrontare le avversità della vita e di uscirne vincitori, riscoprendo e riattivando le proprie risorse interiori – spiega Alessandra Cipolla, l’esperta di RIRes sulle tematiche del trauma e della resilienza che terrà gli incontri di formazione – I bambini sono i più esposti al trauma. Ed è importante avere, per loro, come punti di riferimento, figure fiduciose, che li sostengano nella crescita”.

CVM, ong attiva con progetti in Etiopia e Tanzania per il diritto all’acqua e i diritti umani, opera dagli anni ‘90 anche nel mondo dell’educazione e della scuola. Quest’anno, dinnanzi al dramma del terremoto, Comunità Volontari per il Mondo ha deciso di intervenire in sostegno delle popolazioni colpite dal sisma e lo ha fatto, come da sua vocazione, attraverso gli strumenti della formazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X