facebook rss

La protesta di Ferragosto dei commercianti di Viale Roma: “Senza mercatini, attrattive e al buio”

PORTO SAN GIORGIO - Operatori che da mesi lamentano la scarsa illuminazione del viale soprattutto nel tratto ad ovest dell’incrocio con via Simonetti, chiedendo il potenziamento dei lampioncini ma le parole finora sono cadute nel dimenticatoio
venerdì 18 agosto 2017 - Ore 14:55
Print Friendly, PDF & Email

“Senza mercatini, senza attrattive e con il solito buio”. E’ il ferragosto dei commercianti di Viale Roma che si sentono sempre più imprenditori di serie B. “ Come ogni martedì il viale doveva ospitare il mercatino – raccontano – ma nessuno è venuto a dire che vista la concomitanza di Tesori al mare non si sarebbe svolto. Lo abbiamo saputo dagli ambulanti stessi che avevano pagato il pacchetto luglio agosto ma che sono stati costretti a tirare fuori altri soldi per essere presenti sul lungomare. La magra consolazione è che la data sarà recuperata martedì 5 settembre ma vuoi mettere con il 15 agosto?”

Operatori che da mesi lamentano la scarsa illuminazione del viale soprattutto nel tratto ad ovest dell’incrocio con via Simonetti, chiedendo il potenziamento dei lampioncini ma le parole finora sono cadute nel dimenticatoio. “Viale in penombra anche durante la notte magica” precisano chiamando in causa l’assessore ai lavori pubblici più volte invitato a fare qualcosa. “Abbiamo le panchine in manutenzione ad agosto – rincarano la dose – arredi urbano rattoppati, un cantiere per la fontana aperto ad aprile ma che non si sa per quale motivo sia fermo per non parlare poi delle attività di intrattenimento: zero assoluto. A Porto San Giorgio esiste solo piazza Matteotti e Bambinopoli”. Un viale che negli ultimi anni ha visto una continua chiusura di attività vuoi per la crisi che per i prezzi degli affitti diventati troppo cari. “Qualche settimana fa all’inaugurazione di una attività che si è spostata qui sindaco e assessore al commercio parlavano di nuova vita per viale Roma ma qui non basta accendere una vetrina, occorre prima di tutto che questa parte della città venga considerata e poi si pensi a creare attrattive come avviene per altre zone strategiche e di passeggio. A chi chiede di tenere le attività aperte dopocena in estate rispondiamo: per chi? Per fare cosa se qui la gente manco ci passeggia per il buio?”. I negozianti a breve chiederanno un incontro con l’assessore al commercio per chiedere a gran voce attenzione


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X