facebook rss

In 7 anni 43.000 lavoratori in meno, nelle Marche disoccupazione da record

LAVORO - Numeri in controtendenza rispetto a quelli nazionali, come emerge dai dati forniti dall’ISTAT ed elaborati dall’IRES CGIL Marche
mercoledì 13 settembre 2017 - Ore 17:00
Print Friendly, PDF & Email

Nel secondo trimestre del 2017 nelle Marche l’occupazione continua a diminuire mentre crescono a dismisura i livelli di disoccupazione, tra l’altro in controtendenza al dato nazionale: è quanto emerge dai dati forniti dall’ISTAT ed elaborati dall’IRES CGIL Marche.

I NUMERI

Nelle Marche, il numero degli occupati è sceso a 607 mila unità e cioè oltre 24 mila in meno rispetto allo stesso periodo del 2016, con un calo pari a -3,9%.

Il calo interessa sia il lavoro autonomo sia quello dipendente (-2,2%) e sono colpiti sia gli uomini (-4,3%) sia le donne (-3,3%).

In sette anni, l’impatto della crisi ha prodotto un calo di occupati pari 43mila unità cioè il 6,6% in meno.

Sono 75 mila le persone che cercano inutilmente lavoro: una cifra in salita del 12,5% rispetto allo stesso periodo del 2016, soprattutto per il significativo numero di disoccupati che da inattivi decidono di tornare a ricercare attivamente un lavoro: 19 mila persone, di cui 11mila donne.

Nel 2010 i disoccupati erano 36mila, cioè il 122% in meno rispetto ad oggi.

Particolarmente preoccupante è il numero di coloro che cercano lavoro dopo aver perso quello avevano, 36 mila persone a cui vanno aggiunte 20 mila persone che cercano lavoro per la prima volta (in crescita del 20% rispetto al secondo semestre del 2016), prevalentemente giovani che tentano di entrare nel mondo del lavoro.

LA DISOCCUPAZIONE

Il tasso di disoccupazione si conferma a livelli altissimi, l’11,06%, un valore che per la prima volta supera il tasso di disoccupazione nazionale. Molto allarmante è il dato della disoccupazione femminile che si attesta al 12,66%: un valore praticamente in linea con il dato nazionale.

Gli inattivi, cioè i soggetti che non lavorano e non sono in cerca di un’occupazione sono nelle Marche 298mila, cioè quasi 9mila in più rispetto al 2016.

Le Marche sono la nona regione per maggior tasso di disoccupazione, dopo le otto regioni del sud e molto indietro rispetto alla media del centro Italia.

IL PUNTO DELLA CGIL MARCHE

Osserva Giuseppe Santarelli, segretario regionale Cgil Marche: “Dai dati forniti dall’Istat non è possibile analizzare la situazione nei territori colpiti dagli eventi sismici; quindi non sappiamo quanto possa pesare il sisma su questo scenario. E’ certo che questa regione non è fuori dalla crisi, anzi, i dati negativi iniziano ad avere un carattere ormai strutturale. I lavoratori e le lavoratrici della regione – secondo Santarelli – hanno già pagato duramente la crisi e le imprese hanno ricevuto sostanziosi contributi per le assunzioni nel biennio 2015/2016. Nonostante ciò, non si è prodotta occupazione, anzi quella esistente ha assunto sempre più un carattere di precarietà.

Insomma, serve un altro modello di sviluppo. Questa è la sfida da affrontare e questa sfida può ripartire attraverso investimenti privati e pubblici chiedendo alle imprese di fare la loro parte, smettendola di elemosinare dal governo incentivi per abbattere il costo del lavoro. E’ ormai evidente a tutti che non può essere questa la strada per uscire dalla crisi”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X