facebook rss

Il crocifisso del cimitero
partito per il restauro

MONTEGRANARO - I tempi stimati per l’intervento sono un paio di mesi. Restauro possibile grazie alla donazione del di Giuseppe Raparo
venerdì 22 settembre 2017 - Ore 12:27
Print Friendly, PDF & Email

“Stamattina, insieme al restauratore Marco Salusti e a un suo collaboratore, sotto la supervisione di Silvia Mercuri per il Comune di Montegranaro, in qualità di responsabile del progetto per conto di Arkeo – fa sapere Luca Craia – ho staccato dalla parete della cappella delle Anime Sante del cimitero di Montegranaro il crocifisso che era appeso lì da circa centoventi anni, per portarlo presso il laboratorio di Marco Salusti dove verrà restaurato grazie alla donazione del cittadino montegranarese Giuseppe Raparo.
È il penultimo atto di un processo che si è protratto molto più a lungo di quanto previsto per una serie di intoppi burocratici, peraltro evitabili, che hanno fatto dilatare i tempi aggravando una situazione che già, di per sé, era piuttosto seria. La scultura in cartapesta del Cristo in Croce, infatti, risulta maggiormente deteriorata rispetto a quanto stimato oltre nove mesi fa e questo complicherà il lavoro di restauro il cui costo, comunque, rimarrà invariato grazie alla disponibilità e all’amicizia del restauratore.
I tempi stimati per l’intervento sono un paio di mesi. Non si farà in tempo, quindi, a riconsegnarlo per il mese di novembre come avremmo sperato, ma dovremo attendere almeno dicembre, sempre considerando le propedeutiche e frequenti ispezioni in corso d’opera da parte della Soprintendenza che seguirà da vicino tutto il processo di recupero dell’opera.
Ma ce l’abbiamo fatta: ora il crocifisso è finalmente nelle mani del restauratore che inizierà subito a lavorarci bloccando i processi degenerativi per poi procedere al restauro che non potrà essere squisitamente conservativo in quanto vi sono carenze notevolissime che compromettono la stessa staticità della scultura e, quindi, sarà necessario ricostruire alcune parti, in primis quella posteriore del bacino. Siamo in dirittura d’arrivo e speriamo di poter riconsegnare presto il bene alla comunità di Montegranaro, rimettendo al suo posto un’altra piccola tessera del grande mosaico dei beni culturali cittadini, per lo più dimenticati e ignorati. È una delle nostre missioni ed è quella per la quale destiniamo tutti i nostri fondi, con l’aiuto, come in questo caso con Giuseppe Raparo, di montegranaresi generosi e illuminati”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X