facebook rss

Notte d’ansia per i fiumi,
aperta la sala operativa:
preoccupa il Tenna
GUARDA IL VIDEO

MALTEMPO - Il sindaco di Fermo Paolo Calcinaro ha abbandonato un convegno in corso presso il seminario arcivescovile per i dieci anni de 'La Voce delle Marche' per raggiungere la sala operativa dove al lavoro si trova anche il coordinatore Francesco Lusek. Calcinaro che dalla sua pagina Facebook ha lanciato un messaggio al territorio: "Evitate di percorrere le strade a ridosso dei fiumi, attenzione a ponti e sottopassi"
mercoledì 15 novembre 2017 - Ore 23:11
Print Friendly, PDF & Email

 

di Paolo Paoletti e Giorgio Fedeli

La pioggia battente che in serata si è abbattuta su tutto il territorio fermano ha fatto salire il livello d’allerta per il dissesto idrogeologico. Una situazione già complicata data l’acqua caduta negli ultimi giorni e che ora preoccupa.  Nel corso della serata infatti è stata aperta la sala operativa provinciale per monitorare i fiumi. A preoccupare è stata soprattutto il Tenna che ha raggiunto livelli di pre-allerta.  Una situazione in fase di costante controllo soprattutto alla foce dove il mare mosso impedisce alla piena del fiume di defluire correttamente. A complicare le cose la quantità di pioggia che caduta nell’entroterra che ha aumentato la portata del fiume.

Siamo stati insieme agli uomini della protezione civile di Fermo sul ponte prima della foce del Tenna nel momento della piena, poco dopo le 22,  e le immagini sono impressionanti. Una quantità enorme di acqua, fango e detriti che si riversa in mare. Diversi i sottopassi allagati. A Porto Sant’Elpidio, dall’altra sponda del fiume, nei pressi della piscina comunale, gli uomini della protezione civile hanno bloccato le auto in transito per via dell’acqua che ostruisce il sottopasso, consigliando vie alternative.

Il sindaco di Fermo Paolo Calcinaro ha abbandonato un convegno in corso presso il seminario arcivescovile per i dieci anni de ‘La Voce delle Marche’ per raggiungere la sala operativa dove al lavoro si trovava anche il coordinatore Francesco Lusek. Calcinaro che dalla sua pagina Facebook ha lanciato un messaggio al territorio: “Evitate di percorrere le strade a ridosso dei fiumi, attenzione a ponti e sottopassi”. Attorno alle 22.45 il sindaco, insieme agli altri volontari della protezione Civile, si è recato a Lido Tre Archi per valutare lo stato della foce. Sopralluoghi che sono proseguiti per il resto della serata (leggi l’articolo) fino a che la situazione non è migliorata.

Altro sorvegliato speciale è il fiume Ete, anche qui nei pressi della foce tra Porto San Giorgio e Santa Maria a Mare. Qui la situazione è apparsa migliore rispetto al Tenna anche se l’attenzione è stata sempre alta.

 

Il livello del Tenna

FIUME ETE


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..



2 commenti

  1. 1
    Mauro Petrini il 16 novembre 2017 alle 4:20

    In tutti I mesi passati non ci si e` preoccupati di togliere alberi,detriti, dal letto dei fiumi, delle alluvioni passate, ora si va in allerta…forse ci si guadagnerà di piu`?!!!

  2. 2
    Maria Ercoli il 16 novembre 2017 alle 5:11

    Ci pensa quando è troppo tardi!

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X