facebook rss

“Disfattismo e zero proposte”, la maggioranza replica compatta a Zacheo

sabato 2 luglio 2016 - Ore 15:02
Print Friendly, PDF & Email

maggioranza consiglio comunale Fermo

“Io scelgo Fermo è il nome di un buon proposito, rimasto solo sulla carta. A ricordarcelo, a distanza di un anno dalle elezioni, è il suo consigliere Pasquale Zacheo che, in barba ad ogni tentativo di confronto propositivo nell’interesse della città, ha intrapreso la strada dell’ingiuria, del sospetto, del caos, della confusione, dell’inquisizione”. Inizia così la risposta dei gruppi di maggioranza all’intervento di ieri di Zacheo arrivato dopo il consiglio comunale di giovedì.
“In questo anno, infatti  -scrive la maggioranza –  l’amministrazione Calcinaro ha avuto modo di verificare – a turno – la vocazione propositiva e dialogante della maggior parte dei consiglieri e dei partiti di minoranza che, vista l’eterogeneità e l’apertura mostrata dalle liste di maggioranza, hanno suggerito proposte o – come minimo – hanno argomentato le posizioni contrarie, votando a favore o contro i diversi interventi del governo cittadino. A sua volta la maggioranza ha accolto queste proposte quando le ha ritenute conformi con il proprio mandato o programma elettorale, oppure le ha rigettate con rispetto assumendosi l’onere della decisione. Il consigliere Zacheo no, così come la forza politica di cui è espressione. In un anno di consiliatura non ha proposto niente – né in Consiglio né in Commissione – su qualsiasi nodo o aspetto critico della nostra città, men che meno ha suggerito concrete e fattibili opportunità di intervento. Un disfattismo totale, in alcuni casi cieco e isolato rispetto anche a tutte le altre forze di minoranza. Una continua critica (che, per carità, nei modi e termini costruttivi è addirittura doverosa dai banchi della minoranza), che scivola continuamente in una posizione “ad personam”, prendendo di mira oggi un assessore, domani il sindaco, ecc…”

Maggioranza fermana che aggiunge: “Nell’ultimo mese il clou, forse in concomitanza con il caldo estivo. Un atteggiamento culminato con le “sparate” nell’ultimo Consiglio e addirittura con il voto contrario sulla riqualificazione del Tirassegno, della ex Cops e di Piazza Dante! In compenso ha parlato di estintori, di neve, di falegnameria… per niente interessato anche ad ascoltare (e a capire…) le risposte su questi argomenti. Ma il perché è chiaro: ascoltare e capire significherebbe non poter più sfruttare quell’approccio inquisitorio, accusativo, colpevolista che il buon Zacheo utilizzerebbe anche – immaginiamo – con il gatto che dovesse attraversare impunemente la strada nel momento del suo passaggio… Insomma, il consigliere di minoranza ha votato contro senza proporre un minimo di idee, a partire dall’utilizzo dei proventi della cessione del 49% della Solgas. Ci piacerebbe sapere cosa ne pensano gli altri membri della sua lista. Ci piacerebbe sapere cosa ne pensa il suo stesso collega di lista, il dott. Durso… Ma ormai è chiaro a tutti: preda di un delirio di onnipotenza, il consigliere Zacheo è solo interessato a giudicare, imputare, accusare, condurre le sue personalissime battaglie di retroguardia, nulla interessandogli i problemi veri della città. Ci rimane solo una soddisfazione: Zacheo ha scelto Fermo, ma fortunatamente Fermo non ha scelto lui!”


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X