facebook twitter rss

Felicioni-centrodestra: giovedì sera
la riunione per dire sì o no all’accordo

PORTO SANT'ELPIDIO - E' l'ora della resa dei conti in vista delle amministrative 2018; il candidato civico incontra Lega, Fi e Fdi: "Valutiamo se c'è intesa sui programmi, se si parla di posti non ci sto"
Print Friendly, PDF & Email

Di P.Pier.

Felicioni e il centrodestra: una riunione per dirsi sì, oppure addio. E’ fissato per giovedì sera un incontro tra il leader del Laboratorio civico Pse e i rappresentanti di Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia per valutare la possibilità di un’alleanza alle elezioni amministrative di giugno. Corteggiatissimo ormai da mesi dai tre partiti, Alessandro Felicioni ha concordato una riunione con i rappresentanti locali, provinciali e regionali di tutte e tre le forze politiche per porre fine alla telenovela ed arrivare ad una decisione. “E’ una scelta all’insegna della chiarezza – spiega il candidato sindaco – Si rincorrono tante voci in città, è opportuno arrivare ad una scelta, per rispetto delle tante persone che hanno aderito al nostro progetto civico ed anche dei partiti che, se non ci saranno le condizioni per un accordo, avranno il tempo per organizzarsi diversamente. Ho chiesto a Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia di presentarsi con una proposta per valutare la possibilità di andare insieme alle amministrative. L’unica cosa che chiedo è che si parli di temi, progetti, priorità per Porto Sant’Elpidio. Noi abbiamo stilato un programma che è ormai in dirittura d’arrivo e che presto presenteremo ai cittadini. Vediamo se ci può essere una convergenza. Non sono disposto invece a ragionare di posti e ruoli e non accoglierò richieste di questo tipo. Non è questo l’obiettivo per cui ho deciso di candidarmi”.

Disponibilità al dialogo, quindi, ma con l’intenzione di non disperdere quanto iniziato. “In questi mesi abbiamo iniziato a costruire qualcosa di importante che non va dilapidato – sottolinea Felicioni – La vocazione era e rimane civica, ma siamo disponibili a dialogare con chi riterrà di condividere la nostra idea di città. Non nascondo una certa diffidenza, perchè teniamo a non snaturare la vocazione con cui siamo nati e non vogliamo essere coinvolti in conflitti interni alle forze politiche. Nessuna paura di andare da soli, tutt’altro. Abbiamo percepito apprezzamento da tanti cittadini, oltre 50 persone ci hanno dato disponibilità a candidarsi, tre liste sono praticamente pronte”. Ma la truppa che fin qui ha sposato il Laboratorio civico Pse come prenderebbe l’alleanza? “Le opinioni sono abbastanza trasversali – fa sapere Felicioni – So che da parte di alcuni c’è una preclusione ad un accordo col centrodestra. Se andassimo da soli, credo che nessuno se ne andrebbe perchè non ci siamo alleati con i partiti”.

A Porto Sant’Elpidio è circolata la voce in questi giorni che l’accordo possa prevedere la rinuncia da parte di Lega, Fi e Fdi ai loro simboli. Un’ipotesi che il candidato sindaco esclude categoricamente. “Non avrebbe alcun senso. Se ci sono le condizioni per andare insieme ne spiegheremo le ragioni ai cittadini. Di certo non prenderemo in giro la gente mascherando figure di partito dietro simboli civici”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X