facebook twitter rss

“Ci stanno asfaltando!” I 5 stelle sbeffeggiano le manutenzioni stradali in campagna elettorale

PORTO SANT'ELPIDIO - I pentastellati contestano le asfaltature in queste settimane che precedono il voto del 10 giugno: "La città è tutta un cantiere, per anni ci hanno detto che non c'erano le risorse, ora si fanno tutte le manutenzioni a fine mandato, una modalità di amministrazione della cosa pubblica medievale"
martedì 15 maggio 2018 - Ore 18:30
Print Friendly, PDF & Email

La candidata sindaco Moira Vallati ed il gruppo 5 stelle di Porto Sant’Elpidio

“Qualcuno ha notato che Porto Sant’Elpidio da qualche mese a questa parte sta diventando un enorme cantiere?” Se lo chiedono gli esponenti del Movimento 5 stelle a Porto Sant’Elpidio, che evidenziano “transenne e cartelli di lavori in corso ovunque, con una frenesia che sfida anche le minime norme del buon senso ed anche la pazienza di chi la città deve percorrerla ogni giorno tra infiniti ostacoli, deviazioni e divieti di sosta”.

Secondo i pentastellati, “L’amministrazione Franchellucci, ormai a fine mandato, sfodera una potenza di mezzi e risorse economiche insospettabili, visti i continui richiami alla scarsità degli stessi durante le sedute del consiglio comunale, quando noi chiedevamo più impegno per soddisfare i bisogni dei cittadini, scarsità da sempre imputata al pareggio di bilancio che costringe a mortificare qualsiasi ambizione di miglioramento del paese. Almeno così ce la raccontavano. Cosa è successo nel frattempo? Abbiamo forse vinto una qualche lotteria? Abbiamo ricevuto la notizia di un’eredità da uno zio d’America? O questo gran lavorìo è forse imputabile all’avvicinarsi delle elezioni? Chissà…”

Il Movimento sottolinea il vantaggio dell’amministrazione uscente, “che può dimostrare di aver fatto delle ‘cose’ che saranno sotto gli occhi di tutti e si aspetta per questo un ritorno in termini di elettorato a suo favore. A nostro avviso i cittadini dovrebbero invece punire questo comportamento, attendere la fine del mandato per fare l’ordinaria amministrazione come la manuntenzione delle strade, del verde o dei parchi giochi denota un cinismo che dovrebbe far arrabbiare la cittadinanza, non suscitarne la gratitudine. La modalità non è neanche da vecchia politica, ma da medioevo, come quando il signorotto di turno faceva qualche piccola concessione ai sudditi in modo tale che gli restassero fedeli e continuassero a pagargli i balzelli in cambio della sua protezione”.

I pentastellati chiudono auspicando che “i balzelli che paghiamo siano utilizzati per i servizi ai cittadini, di tutti i cittadini, e fin dalle prime fasi del mandato. Questo sarà il nostro impegno. Utilizzare tutte le risorse pubbliche in modo equo, guardando le reali necessità del paese senza favoritismi e personalismi. Se si opera in questo modo sotto gli occhi di tutti, come si agirà dietro le porte degli uffici dove, riposte nei cassetti, ci sono pratiche magari in attesa di autorizzazione? Perché aspettare 5 anni per fare tutto questo? L’unica risposta logica è: per asfaltare gli avversari, naturalmente, ma forse stavolta verranno finalmente puniti”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X