fbpx
facebook twitter rss

Modena radiato: ecco cosa cambia
in classifica per la Fermana

SERIE C - Con la quarta sconfitta a tavolino per i canarini emiliani arriverà la radiazione come da regolamento. I punti conquistati in quelle gare, sia sul campo che via Giudice sportivo, dalle dieci avversarie sin qui incontrate saranno tolti. Piccolo vantaggio per i gialloblù di Destro, che sorpassano così il Sudtirol e vedono allontanarsi di 3 punti altre tre antagoniste poste più in basso
lunedì 6 Novembre 2017 - Ore 02:46
Print Friendly, PDF & Email

I tifosi del Modena celebrano il funerale della loro squadra

FERMO – La radiazione del Modena, che verrà decretata questa settimana, modifica la classifica del girone B della Serie C nel senso che verranno sottratti 3 punti a tutte le squadre che avevano incontrato i canarini emiliani e che avevano vinto o sul campo o a tavolino. Non avranno più valore neanche i marcatori per la relativa classifica.

Ai sensi dell’art. 53 delle NOIF (Norme Organizzative Interne della Figc)qualora una società si ritiri dal Campionato o ne venga esclusa per qualsiasi ragione durante il girone di andata, tutte le gare in precedenza disputate non hanno valore per la classifica, che viene formata senza tenere conto dei risultati delle gare della società rinunciataria o esclusa”.

L’esclusione del Modena comporterà un girone B formato da 18 squadre anzichè 19 e quindi ogni domenica saranno due le formazioni a riposare.

La Fermana ancora non aveva incontrato il Modena, il match di andata era in programma tra due settimane, il 26 novembre.
Per i canarini  della Fermana la sottrazione di 3 punti a dieci avversarie è un piccolo vantaggio perché tre squadre che si trovavano più in basso in classifica si allontanano ancora di più (e sono la Reggiana che scende a -5 dalla Fermana, il Ravenna a -7 e il Santarcangelo a -8). Il Sudtirol, che una settimana fa aveva sorpassato i fermani, torna di nuovo sotto al team di Destro, sebbene per un solo punto.

Tutte le altre squadre che hanno già incontrato il team allenato da Capuano si trovavano in classifica sopra alla Fermana, e quindi la graduatoria si accorcia un po’. La Samb si ritrova solo 3 punti sopra ai gialloblù fermani (e dopo la sconfitta di ieri, mister Moriero adesso rischia davvero).

A lato la classifica aggiornata considerando tutti i punti già sottratti.

Di certo non saranno le tre lunghezze che la Fermana ha recuperato nei confronti di dieci avversarie a cambiare il campionato dei canarini marchigiani che dopo la pessima figura rimediata contro l’Albinoleffe devono subito tornare a sfoderare le armi che li hanno contraddistinti fino ad oggi e che è stata in grado di colmare il gap tecnico noto sin dall’inizio, cioè la determinazione, la grinta, l’agonismo, la combattività.

Potrebbe venire a favore il turno di mercoledì, poiché sarà giocato dall’undici di Destro lontano dal pubblico amico che ieri per la prima volta da dodici mesi non ha digerito il risultato (l’ultima vera contestazione fu ad Agnone il 23 ottobre di un anno fa), e che quindi potrebbe consentire agli undici di giocare con meno pressioni e paura di sbagliare. Ricordiamo che dopo la brutta sconfitta e contestazione ad Agnone iniziarono il riscatto e la lunga striscia positiva dello scorso anno.

Restano le incognite della condizione fisica e dei troppi infortuni, ma anche questo sembrerebbe un film visto ad inizio della passata stagione, però attenzione perché campionato e avversarie sono ben diverse, quest’anno la Fermana ha ogni settimana di fronte avversari che hanno giocato in Serie A e B e tutti questi infortuni potrebbero essere dovuti anche all’intensità del campionato e del ritmo di gioco delle singole gare.

Di seguito ecco l’elenco delle dieci avversarie incontrate dal Modena come da calendario fino a ieri. Partite tutte perse dai gialloblù emiliani, 6 sul campo e 4 a tavolino (più una rinviata).
Samb (4-2), Vicenza (1-2), Reggiana (1-0), Renate (0-3), Ravenna (1-0), Mestre (0-3 a tavolino), Sudtirol (3-1), Albinoleffe (0-3 a tav.), Fano (rinviata), Padova (0-3 a tav.), Santarcangelo (0-3 a tav.).

In conclusione resta l’amara riflessione di una così grave vicenda per un club prestigioso con 105 anni di storia, che nel 1912 militava già in Serie A e che ha disputato ben 28 campionati nella massima categoria calcistica (sfiorando lo scudetto nel 1947) e 50 nella seconda.
Finora il Modena non aveva mai conosciuto l’onta del fallimento, invece dopo quello sportivo, presto potrebbe arrivare anche quello giudiziario, basta infatti che uno dei tanti fornitori non pagati (si parla di milioni di euro di debiti) presenti istanza di fallimento .

P. B.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X