facebook twitter rss

Il Cobà strapazza il Gadtch
2000 e si prepara per i playoff

CALCIO A 5 - Gol a grappoli in quel di Magione nell'ultima della stagione regolare utilizzata come test in vista della felice coda di torneo
Print Friendly, PDF & Email

PERUGIA – Ultimo appuntamento della regular season per i ragazzi di mister Campifioriti, che strapazzano il Gadtch 2000 per 11-3. Nello splendido impianto di Magione, non c’è stata mai gara tra gli umbri, sul fondo della classifica con 13 punti, e il Futsal Cobà, già proiettato verso i playoff, utili per tentare una affascinante quanto voluta scalata all’A2.

Moretti, Vitale, Lamedica, Sgolastra e Mazoni il quintetto base degli Sharks subito pronti ad azzannare e fare un sol boccone della preda. Gara senza storia ma ricchissima di reti, gesti tecnici e nelle azioni sin dalle prime battute.

La doppietta di Mazoni in avvio (appena dopo 4′ tiro di sinistro a mezz’aria su assist di Siviero e immediato raddoppio con bomba sotto l’incrocio su assist di Sgolastra) era il preludio al terzo sigillo di Lamedica, che di scavetto insaccava dopo uno slalom perfetto. Il poker veniva servito da Sgolastra, lesto a capitalizzare l’azione in velocità degli Squali: D’Artagnan si faceva pronto sul secondo palo, mettendo dentro il 4-0. Un autogol accorciava le distanze in favore del malcapitato Gadtch, ma era ancora Lamedica a ristabilirle, prima che Siviero, quasi allo scadere della prima frazione, graffasse il 6-1.

Da segnalarsi, nelle fila degli Sharks, l’esordio assoluto in prima squadra di Capriotti, fuori quota nella U19 ( sui suoi piedi anche una piccola occasione messa fuori di sinistro) e di Vittorio Quandamatteo, di ruolo portiere, schierato però oggi come pivot.
Gol a grappoli anche nella ripresa, con l’immediata tripletta di Sgolastra (bomba di sinistro, conclusione sotto l’incrocio, azione da manuale), il quale sciorinava tutto il repertorio, prima che i perugini con un pallonetto si portassero sul 9-2.

Bravi sia Moretti che il subentrato Aquilesi a difendere i pali del Cobà. L’11-3 finale maturava grazie ad altre due perle messe dentro da Siviero e ad un’altra rete per i locali.

“Un risultato eclatante che ci poteva stare vista la differenza delle due squadre in campo – il commento dell’avvocato Guido Calvari – abbiamo comunque disputato una buona gara, specie nella prima frazione dove abbiamo espresso un ottimo futsal. Anche se i contenuti tecnici dell’incontro erano quelli che erano, dobbiamo considerarlo un buon test per salutare il campionato e prepararci al meglio all’appendice che ci spetta. Ai playoff affronteremo l’Eta Beta, prima a Fano e poi a casa nostra. Dovremo dare tutto e impegnarci al massimo. Un appuntamento da non perdere e non sbagliare”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti