facebook twitter rss

“Non fermiamoci”: la lista dell’assessore Sebastiani pedala per Franchellucci

PORTO SANT'ELPIDIO - Presentazione dei Popolari uniti per Porto Sant'Elpidio, una delle 4 civiche che, insieme al Pd, corrono per dare continuità all'amministrazione Franchellucci: "La città è cresciuta, diamo ancora fiducia a chi ha svolto un buon lavoro in questi 5 anni".
Print Friendly, PDF & Email

di Pierpaolo Pierleoni

La bici parcheggiata fuori dalla sede elettorale, perchè “questa campagna la voglio fare in bicicletta”, rimarca l’assessore Milena Sebastiani, presentando la sua lista Popolari Uniti per Porto Sant’Elpidio. Un gruppo che punta a proseguire il lavoro dell’ultimo quinquennio, confermando Nazareno Franchellucci alla guida della città. Proprio il primo cittadino apre la presentazione “di un gruppo di amici che hanno deciso di sostenermi. Ogni lista ha le sue peculiarità, questa è caratterizzata da Milena, una persona con cui ho collaborato in modo straordinario negli ultimi 5 anni e che si è rimessa a disposizione costruendo questa splendida squadra”. “Dal 2013 ad oggi abbiamo vissuto un crescendo di esperienze positive – spiega Sebastiani – Abbiamo affrontato problemi di bilancio, nella cui parte discrezionale si è cercato di dare attenzione a sport e turismo. Sono soddisfatta dei risultati raggiunti, in particolare delle operazioni di marketing territoriale, che ci hanno permesso di farci conoscere fuori regione, anche grazie all’enogastronomia”.

Una lista quasi completamente rinnovata rispetto alle scorse amministrative. I ‘reduci’ sono Massimo Biancucci ed Andrea Colò. “Magari tutti gli assessori fossero come la Sebastiani – sottolinea il primo – Lavora con tutte le energie e tira dritto finchè non ha raggiunto l’obiettivo”. “Con Milena condiviso la passione per l’organizzazione di eventi” aggiunge Colò.
Poi tocca agli altri candidati consiglieri, quasi tutti alla prima esperienza politica. “Mi candido con loro per la prima volta dopo aver apprezzato la passione di Milena e l’attenzione di Franchellucci” spiega Roberto Alfieri. Laura Castellucci ammette “di non aver votato il centrosinistra 5 anni fa, ma ho cambiato idea, la presenza e disponibilità di sindaco e assessore meritano sostegno”. Milena Conti ritiene “fondamentale portare energia positiva in città come la Sebastiani sa fare”. Sergio Costa, di origini umbre, ha apprezzato “la concretezza e la qualità del lavoro svolto per rendere più vivibile la cità”. “Ho accettato di candidarmi vedendo una città concreta ed una visione positiva per i nostri figli” dice Stefania Giannetti. “Fiducia in chi ha ben operato e crede in ciò che fa” anche da parte di Enrico Marinucci, mentre Debora Marsili elogia “un’amministrazione che ha portato a termine molte incompiute. Fuori da qui sento sempre parlatre benissimo di Porto Sant’Elpidio”. Anche Flavio Moro ha scelto di candidarsi “dopo aver apprezzato l’operato dell’assessore Sebastiani e dell’amministrazione uscente”, come Patrizia Paoloni, convinta “che serva dare continuità al lavoro svolto”. Fausto Pepi, ex di Sel e di Liberi e uguali, dice di essersi convinto “che opporsi a questa amministrazione fosse un errore, perchè i risultati raggiunti mi hanno convinto che questo sindaco meritasse appoggio”. “Conosco Franchellucci da sempre è serio e onesto, voglio dare una mano” continua Paolo Santoni, mentre Pamela Sgariglia si è convinta “dopo alcune titubanze, che candidarmi fosse la cosa giusta”.
La chiusura al coordinatore dei Popolari, Fiorenzo Talamonti. “Resto vicino a questa lista in primis per la stima ed amicizia di sempre verso Milena, cui non si possono che riconoscere qualità, volontà, concretezza. Non confermare Franchellucci significherebbe disperdere le capacità che ha maturato in questi 5 anni da sindaco. Al netto di errori fisiologici, che fanno parte del percorso, la crescita della città è un dato di fatto. Oggi essere sindaco è straordinariamente difficile. Venti anni fa si poteva rimediare a qualsiasi errore, oggi, con le ristrettezze economiche che ci sono, il margine d’errore è ridottissimo”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti