facebook twitter rss

Comunque vada sarà un’impresa: domani la scelta del sindaco a Porto Sant’Elpidio

PORTO SANT'ELPIDIO -Domenica sera, dalle 23, diretta su Radio FM insieme a Cronache Fermane per vivere il risultato elettorale con tutti i protagonisti delle amministrative 2018
Print Friendly, PDF & Email

di Pierpaolo Pierleoni

Comunque vada sarà un’impresa. Nella notte di domenica Porto Sant’Elpidio conoscerà il suo prossimo sindaco e chiunque trionfi, tra Nazareno Franchellucci e Giorgio Marcotulli, avrà compiuto un risultato eclatante.

Il centrosinistra ha sempre vinto a Porto Sant’Elpidio, spesso anche con percentuali di consenso strabordanti, quindi sulla carta, conservare la guida della città non avrebbe nulla di sensazionale. Ma il primo cittadino uscente si è presentato alla sfida delle aministrative nelle peggiori condizioni possibili per la sua fazione. Il Partito democratico ai minimi storici a livello nazionale, un risultato alle elezioni politiche del 4 marzo che ha segnato una delle peggiori sconfitte di sempre per il centrosinistra, compreso a Porto Sant’Elpidio, la non rielezione in Parlamento di una figura di riferimento dei Dem come Paolo Petrini, un padre politico per Franchellucci. La campagna elettorale, inoltre, è stata per lo più improntata al tutti contro uno. Oltre alla fisiologica discontinuità verso chi governa, spesso i temi e le proposte degli avversari hanno presentato aspetti in comune. I civici di Alessandro Felicioni hanno stretto un apparentamento formale al centrodestra, Casapound ha espresso un appello al voto per Marcotulli, più sfumata la posizione dei 5 stelle, che comunque hanno criticato apertamente metodi e operato dell’amministrazione uscente. Ce n’è abbastanza, insomma, qualora Franchellucci la spunti nonostante tutto, per parlare di impresa.

Allo stesso modo, si potrà parlare di risultato storico in caso di vittoria di Marcotulli, se si spezzerà un’egemonia di centrosinistra di lunghissimo corso. Il candidato del centrodestra parte con un gap di quasi 2.200 voti, pari a circa 17,5 punti percentuali. Non è frequente rimontare uno svantaggio così cospicuo. L’ex leader provinciale di Fratelli d’Italia, però, ha dalla sua l’alleanza con il Laboratorio civico, che in caso di successo entrerebbe in maggioranza con 4 consiglieri e in giunta con 3 assessori. Se l’elettorato di Felicioni, un bottino da 2.563 voti pari al 20% dei consensi, sarà stato convinto dalla scelta dell’apparentamento e si sposterà in blocco verso il candidato del centrodestra, la partita cambierebbe completamente. In più, Marcotulli ha dalla sua il sostegno annunciato da Casapound ed ha motivo di sperare che l’elettorato a 5 stelle, se non diserterà i seggi, propenderà più per un cambiamento che per la continuità amministrativa.

In tutti questi ragionamenti un ruolo dominante lo gioca l’affluenza alle urne. Due settimane fa hanno votato in 12.696, spiccioli meno del 64%, il dato più basso registrato a Porto Sant’Elpidio per le elezioni amministrative. Al ballottaggio, in qualunque città, è sempre avvenuto un calo dei votanti rispetto al primo turno, occorrerà capire di quale entità. Cinque anni fa, quando Franchellucci superò Andrea Putzu, si recò a votare il 54,96%, 10.750 cittadini, con una flessione rispetto al primo turno di circa 2.500 persone. In quell’occasione il sindaco mantenne gli stessi consensi di due settimane prima (appena una decina in meno), Putzu recuperò 1500 voti, ma partiva da un gap di quasi 2.800 e la partita si chiuse con un 56 a 44 %. Non resta ora che attendere il risultato di domani sera. Si vota dalle 7 alle 23


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti