facebook twitter rss

Ecco il piano per la videosorveglianza
In due anni saranno 62 le telecamere in città

PORTO SAN GIORGIO - La sicurezza affidata alle telecamere. Ecco il piano per la videosorveglianza che coprirà gran parte della città. entro il 2020 saranno 62 le telecamere in città.
giovedì 19 luglio 2018 - Ore 13:41
Print Friendly, PDF & Email

di Sandro Renzi

La sicurezza affidata alle telecamere. Ecco il piano per la videosorveglianza che coprirà gran parte della città. A presentarlo questa mattina il sindaco Nicola Loira, l’assessore alla sicurezza Valerio Vesprini, il comandante della municipale, Giovanni Paris e il dirigente Carlo Popolizio. Alle telecamere già installate nelle vie del centro se ne aggiungeranno altre tra nord a sud. “Il tema della sicurezza spesso è strumentalizzato per fini demagogici -spiega il primo cittadino- noi dobbiamo mettere le forze dell’ordine nella condizione di prevenire e perseguire i reati. Ed è ciò che stiamo facendo con un progetto che riguarda tutta Porto San Giorgio ed in particolare i varchi a nord, sud ed ovest, come richiesto dai comitati per l’ordine e la sicurezza in Prefettura“. Il comune parteciperà ad un bando europeo e se i soldi non dovessero arrivare ci sono le risorse per autofinanziarlo. Il progetto c’è dunque. “Un lavoro faticoso quello fatto perché abbiamo messo mano ad un sistema che non era efficiente. Abbiamo fatto manutenzione e previsto nuove telecamere. Un sistema tecnologicamente avanzato che sarà utile anche alla polizia municipale oltre che a tutte le forze dell’ordine”.  Loira che poi aggiunge: “Non facciamo ronde o pattugliamenti estemporanei ma facciamo quello che ci chiede di fare la legge e lo stiamo facendo con impegno anche economico”. Una risposta indiretta al consigliere di Forza Italia, Carlo Del Vecchio che aveva polemizzato qualche giorno fa sul tema della sicurezza denunciando “l’inerzia dell’amministrazione di centrosinistra”. E’ il dirigente Carlo Popolizio ad illustrare il piano. “Si è partiti da Bambinopoli che ha otto telecamere per implementare quelle in piazza Matteotti dove ne sono state messe 9. Questo un primo step. In totale abbiamo 31 telecamere ad alta definizione. Viaggiamo su ponti radio e fibra ottica anche se l’ideale sarebbe cablare il tutto per garantire maggiore affidabilità del sistema”. Oggi finisce quindi la fare uno che ha visto telecamere anche in piazza Gaslini, via Don Minzoni, Arena Europa, via Oberdan, piazza Mentana, lungomare centro. Nel 2019 scatterà la fase 2 per installare altre 16 telecamere (otto ambientali e otto per il controllo delle targhe) e nel 2020 altre quindici per un totale di 62 occhi elettronici. “Abbiamo intanto presentato una istanza di cofinanziamento al Ministero dell’Interno -rimarca Popolizio- se queste risorse dovessero arrivare le investiremo ancora nella videosorveglianza”. E’ poi la volta del comandate dei vigili urbani, Giovanni Paris. “Le immagini raccolte dalle nostre telecamere sono state già utilizzate dalle forze dell’ordine e saranno conservate per sette giorni”. L’assessore Vesprini accende invece i riflettori sulla necessità di puntare sul potenziamento del corpo dei vigili urbani. “Siamo stati l’unico comune della costa ad aver effettuato controlli contro l’abusivismo in spiaggia. E’ questo un motivo di orgoglio”. Vesprini che ricorda l’attivazione del servizio “appiedato” anche nei quartieri. Le risorse necessarie ammontano a 120 mila euro. Gli ingressi principali della città saranno quindi sorvegliati dal comune. 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X