facebook twitter rss

Verde Mare, i motivi dietro lo sfratto

MARINA PALMENSE - Problemi che sono iniziati nel 2016 con il sequestro del campeggio. Da una parte venendo meno l'attività del villaggio turistico sono scomparsi gli introiti, dall'altra la famiglia proprietaria della terra ha dovuto comunque continuare a pagare fiscalmente la rendita fondiaria
Print Friendly, PDF & Email

 

di Paolo Paoletti

Da un lato una famiglia storica, la Trinchera-Salvadori, profondamente legata al territorio fermano e sangiorgese. Dall’altro un imprenditore, Felice Chiesa, che nel 1974 prese in affitto circa 7 ettari e mezzo di terreno a ridosso sul mare per dare vita ad uno dei villaggi turistici divenuti simbolo del territorio e grazie al quale il quartiere di Marina Palmense è cresciuto negli anni. Sono i due protagonisti di una vicenda che non mancherà di aprire un dibattito nei mesi a venire, anche dopo la notizia di ieri dello sfratto al Campeggio Verde Mare. 

Un rapporto di fiducia, quello tra Chiesa ed i proprietari del terreno, consolidato da generazione in generazione. In quarant’anni sono stati onorati tutti i pagamenti senza mai alcun tipo di disagio o incomprensione, raccontano gli eredi.  Problemi che sono iniziati nel 2016 con il sequestro del campeggio. Da una parte venendo meno l’attività del villaggio turistico sono scomparsi gli introiti, dall’altra la famiglia proprietaria della terra ha dovuto comunque continuare a pagare fiscalmente la rendita fondiaria.

Il tutto, hanno spiegato i proprietari, restando estranei alle vicende penali relative alla gestione della struttura. Da qui la richiesta di rescissione del contratto di affitto, nata, spiegano, senza alcun intento di creare un danno al territorio tanto meno alla vita del campeggio. Verde Mare che pagava un canone di 2 euro e 30 centesimi a metro quadro l’anno.  Ad aprile è attesa la sentenza definitiva.

 

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti