facebook twitter rss

Filofest si prepara alle due giornate finali: “La filosofia maestra di vita per tutti”

FESTIVAL - Venerdì 30 alle 18.30 a Falerone nell’anfiteatro romano, si tiene il recital del filosofo e performer teatral-culturale Cesare Catà, con “Sogni di una notte di fine estate, raccontando Puck e altri folletti”
Print Friendly, PDF & Email

 

La filosofia maestra di vita per tutti. Chiave per aprire più porte di possibili stanze dove cercare soluzioni di problematiche del vissuto quotidiano e dell’esistenza dell’individuo. Tematiche di riflessione, confronto con esperti, interrogativi, risposte ma anche nuovi spunti e stimoli. C’è fame di cultura, di approfondimento e di capire a fondo questioni esistenziali, sociali, socio-economiche, come dimostrato dalla forte affluenza agli incontri del Filofest 2019, quest’anno orientato in modo particolare al sociale. Ultime 2 giornate che incrociano cultura, spettacolo e musica, ma anche convegnistica e confronto col pubblico, satira e comicità.

Venerdì 30 alle 18.30 a Falerone nell’anfiteatro romano, si tiene il recital del filosofo e performer teatral-culturale Cesare Catà, con “Sogni di una notte di fine estate, raccontando Puck e altri folletti”. Autore di saggi di filosofia e letteratura, di traduzioni, di testi drammatici Catà propone in maniera innovativa e in chiave spettacolare pezzi di narrativa e di mitologia. Sarà accompagnato dai TranCeltic, una nuova esperienza musicale proposta da Maurizio Serafini e Luciano Monceri.

Sabato 31 chiusura del Filofest a Servigliano. Alle 18, nel complesso Santa Maria del Piano, convegno su “Benessere e disuguaglianza. Il ruolo degli attori dell’economia civile e sociale nel contesto odierno”. Interverranno Luigino Bruni docente di economia alla Lumsa, Chiara Volpato docente di psicologia sociale all’università Milano-Bicocca, Anna Maria Fellegara e Paolo Rizzi docenti all’Università Cattolica del Sacro Cuore, rispettivamente di economia aziendale e di economia, Nicola Cabria della fondazione Human. Modelli economici che si incardinano su una prospettiva fondata sui principi di reciprocità e fraternità, alternativa a quella capitalistica sono discussi da esperti provenienti da diverse esperienze. Tra i temi trattati il lavoro, il welfare, il ruolo delle comunità locali, l’innovazione sociale. Argomenti molto attuali in questo periodo di grandi trasformazioni sociali e per le nuove leggi del terzo settore.

Alle 21.30 divertimento assicurato nello spettacolo, coprodotto dalle associazioni Wega e Lagrù, “Dal provincialotto… al filosofotto”, di e con l’attore e comico Pier Massimo Macchini. Filofest, festival diffuso, è organizzato dalle 5 amministrazioni comunali dei comuni sedi degli eventi (Ortezzano, Pedaso, Montegiorgio, Falerone e Servigliano) con l’associazione impresa sociale Wega, in collaborazione con Cna Fermo. Info: www.wegaformazione.com


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti