facebook twitter rss

LA RECENSIONE – L’inganno perfetto: un ipnotico thriller dall’inedito duo Millen-Mckellen

RECENSIONE - Questo film pieno di energia e slanci formidabili ci lascerà infatti congetturare fino alla fine. Il maggior divertimento arriva proprio quando pensiamo di avere ben chiaro ciò che sta accadendo, perché poi la nostra idea viene completamente stravolta.
Print Friendly, PDF & Email

di Giuseppe Di Stefano

L’Inganno Perfetto è un adattamento dell’omonimo romanzo del 2016 di Nicholas Searle, attraverso la sceneggiatura di Jeffrey Hatcher. È diretto dal talentuoso ed eclettico Bill Condon (La bella e la bestia, due film della saga Twilight, Dreamgirls), come una pellicola da intrattenimento intelligente e coinvolgente, ed è un piacere vedere i due protagonisti (Helen Mirren e Ian McKellen) recitare insieme in questo duetto tra gatto e topo che si trasforma in un elegante valzer di affetto e inganno.

Betty McLeish (Helen Mirren) è una benestante docente di Oxford in pensione alla ricerca di una romantica compagnia su un sito di incontri. Dall’altra parte c’è Roy Courtnay, un maturo e distinto vedovo con un figlio lontano. A vederli insieme sembrerebbero una bella coppia e potremmo anche pensare che lo siano davvero se non fosse che in realtà, dietro la figura di Roy, si cela un abile truffatore specializzato nella riduzione al fallimento di donne ricche e vulnerabili. Ma il suo piano per ingannare Betty non procederà come lui si aspetta.

Questo film pieno di energia e slanci formidabili ci lascerà infatti congetturare fino alla fine. Il maggior divertimento arriva proprio quando pensiamo di avere ben chiaro ciò che sta accadendo, perché poi la nostra idea viene completamente stravolta. E mentre ci ricordiamo che si tratta di un thriller, Mirren e McKellen sono abbastanza agili da mantenere il tono di una commedia, riuscendo ad essere sia calorosi che spaventosi, recapitandoci una vera e propria master class di recitazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X