facebook twitter rss

Cavalcata, scambio di auguri con l’Arcivescovo: “Proseguite il lavoro di recupero della tradizione”

FERMO - Il regista Leoni: “Ci attende la sfida del Presepe Vivente alle Cisterne Romane”.
Print Friendly, PDF & Email

Sabato scorso tradizionale appuntamento in Curia per lo scambio di auguri tra l’Arcivescovo e la Cavalcata dell’Assunta, che ha donato a Mons. Rocco Pennacchio una stampa fotografica relativa alla cerimonia in cattedrale del 14 agosto, serata del corteo in notturna.  Presenti all’incontro i dieci priori delle contrade, l’Assessore Mauro Torresi, il Vice presidente Andrea Monteriù, il regista Adolfo Leoni, il delegato della Curia Arcivescovile al consiglio di Cernita Don Michele Rogante e i collaboratori.

“Qui ci sentiamo a casa”, ha detto Monteriù, ribadendo la volontà della Cavalcata di lavorare per rendere la rievocazione sempre più attrattiva, coinvolgente e integrata nella città. Per l’Assessore Torresi, che ha tenuto a ringraziare contrade e contradaioli per l’impegno, la ripresa di Fermo è passata anche dalla Cavalcata dell’Assunta e dalla capacità delle contrade di far ri-innamorare i fermani della propria città.

Pennacchio, che dal suo insediamento ha assistito a due edizioni della rievocazione, ha esortato il gruppo a proseguire con “il lavoro di recupero della tradizione storica, trovando nuove modalità di coinvolgimento. La consapevolezza delle proprie radici – ha evidenziato l’Arcivescovo – stimola il senso di appartenenza, l’interesse, l’impegno e la dedizione”.

Il regista Adolfo Leoni ha ricordato il lavoro di preparazione del Presepe Vivente: “Ci attende questa splendida sfida, per la prima volta all’interno delle Cisterne Romane, possibile solo grazie al grande impegno delle contrade”.

Il presepe vivente sarà aperto nei giorni 28 e 29 dicembre, dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19: il biglietto d’ingresso è acquistabile al costo di € 4,00 (gratuito per i bambini fino a 13 anni) alla biglietteria dei Musei di Fermo in piazza del Popolo, prenotazione obbligatoria (tel. 0734/217140).


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X