facebook twitter rss

Panchina rossa deturpata,
l’indignazione della città

PORTO SANT'ELPIDIO - L'assessore alle Pari Opportunità, Emanuela Ferracuti, e la presidente della stessa Commissione, Ilaria Santandrea, condannano l'atto vandalico avvenuto al parco "25 novembre-Giornata mondiale contro la violenza sulle donne", che ha visto una panchina sfregiata con spray nero
Print Friendly, PDF & Email

Nonostante i simboli, nonostante la targa esplicativa, nonostante le notizie di femminicidi che quotidianamente leggiamo sui giornali o ascoltiamo tramite tv, qualcuno offende e deturpa una panchina che, nella sua semplicità e per il suo colore rosso, è simbolo e ricordo di tutte le donne vittime di qualsiasi forma di violenza. Questo è ciò che è accaduto a Porto Sant’Elpidio.

La panchina rossa inaugurata in contemporanea all’intitolazione del Parco che la ospita, “Parco 25 novembre-Giornata mondiale contro la violenza sulle donne”, ha subito uno sfregio con spray nero.
Questo simbolo, fortemente voluto dall’assessore alle pari opportunità Emanuela Ferracuti, dalla presidente della Commissione Pari Opportunità cittadina, Ilaria Santandrea, e da tutte le commissarie, di certo non aveva come obiettivo l’annullamento delle violenze da un giorno all’altro (magari si potesse), ma semplicemente quello di sensibilizzare i cittadini su un tema purtroppo estremamente attuale.

Questa la dichiarazione dell’assessore Emanuela Ferracuti: “Ancora una volta siamo costretti a registrare, e a stigmatizzare, atti vandalici contro i simboli su cui poggia l’identità elpidiense. Simbolo della lotta a tutte le forme di violenza sulle donne che da tempo vede Porto Sant’Elpidio capofila di numerose azioni positive con la sua rete tra istituzioni, servizi, forze dell’ordine, associazioni femminili. E’ stata infatti gravemente deturpata la panchina rossa collocata qualche mese fa nel Parco “25 novembre-Giornata mondiale contro la violenza sulle donne” installata proprio in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, per rendere visibile la violenza domestica, un fenomeno che rischia invece di rimanere invisibile rinchiuso dentro alle mura delle case.Tutti i cittadini, e non solo gli amministratori, hanno il diritto di indignarsi di fronte a una così diffusa mancanza di rispetto verso i beni pubblici. Il vandalismo danneggia l’immagine della città e le casse comunali, perciò è un problema che riguarda tutti noi”.

Le parole della presidente  Ilaria Santandrea: “Sembra quasi inutile esprime il dispiacere per un atto simile, senza educazione e senza rispetto. Purtroppo c’è chi ancora nel 2020 si diverte imbrattando oggetti o muri della collettività, ma di tante panchine, non sto giustificando il gesto, avrebbe potuto almeno leggere la targa affissa sopra per desistere da un atto di tale bassezza. Vorrei perciò ricordare ed onorare sempre tutte le donne vittime di ogni forma di violenza: fisica, psicologica, economica, ecc.. Augurandomi che questi divertimenti abbiano un freno, almeno di fronte a questi simboli per la Città. Mi aspetterei delle umili e silenziose scuse, ma temo questo non accadrà. So solo che come cittadini ci lamentiamo di molte cose, forse troppe, per poi non riuscire a rispettare o a educare i nostri figli al rispetto del bene comune e delle ingiustizie subite”.

L’assessorato e la Commissione colgono l’occasione per ricordare che ci saranno altre panchine rosse donate alla città e che purtroppo, in questo delicato periodo, le attività da loro organizzate sono rinviate almeno fino al 3 Aprile, compreso il conosciuto Premio Donna dell’Anno previsto per il 28 Marzo al Teatro delle Api.

Le candidature sono ancora aperte, perciò vi invitiamo a compilare il modulo di candidatura (scaricabile tramite pagina Facebook) proponendo una donna che, secondo voi, si è distinta per merito, dedizione, traguardi raggiunti nelle categorie: sport, cultura, sociale e lavoro.

Altri quattro eventi rimangono in stand by per essere realizzati appena il contesto lo permetterà, ma ci sono anticipazioni: l’incontro su Donne e Digitalizzazione, su Donne e Lavoro e sul Reinserimento della Donna over 40 nel mondo del lavoro, oltre al laboratorio manuale per adulti e bambini contornato da letture per bambini sulla disabilità insieme al Contafavole e ai Ragazzi della Crisalide.

L’atto vandalico sulla panchina rossa, sfregiata con spray nero


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X