facebook twitter rss

“Sulla Lungotenna la vegetazione
sta strabordando, urge
un intervento” (Le Foto)

FERMO - La segnalazione da parte di alcuni automobilisti che chiedono un intervento immediato sulla vegetazione a bordo strada
Print Friendly, PDF & Email

“Arbusti e sterpaglie stanno invadendo la carreggiata. E questo può rappresentare tutta una serie di problemi, a partire dalla sicurezza”. E’ la segnalazione di alcuni automobilisti che quotidianamente, per lavoro, si trovano a percorrere la strada Lungotenna, che collega la statale Adriatica a Fermo. Una strada da sempre osservata speciale in termini di sicurezza (più volte scenario di incidenti) e su cui le forze dell’ordine e le istituzioni ripetono come un mantra di rispettare le norme del codice della strada e, soprattutto, i limiti di velocità. Sì perché sulla Lungotenna è ormai quasi una consuetudine veder sfrecciare auto a tutta velocità. “E’ così, tutti sappiamo che il primo passo per la sicurezza deve essere compiuto da chi è al volante o al manubrio, questo è poco ma sicuro.

Ma la Lungotenna è una strada su cui, già per la sua larghezza, bisognerebbe guidare con quattro occhi e un piede leggerissimo sull’acceleratore, a tutte le ore. Ma oggi a non facilitare le cose c’è anche la vegetazione che, in diversi punti della strada, è fin troppo rigogliosa, per usare un eufemismo. Ed è bene che chi di dovere intervenga subito. In alcuni punti sono coperti anche i segnali stradali. Le erbacce e le sterpaglie stanno prolificando e questo, oltre che ridurre la visibilità può rappresentare anche un problema in termini di incendi. Lì basta un mozzicone tirato dal finestrino da qualche incivile, per far scaturire un incendio a bordo strada, a maggior ragione in questo periodo, ci avviciniamo alla stagione calda, quella più soggetta a incendi. Mettiamoci anche gli animali che si annidano tra le erbacce e che possono spuntare da un momento all’altro davanti alle auto in transito. Insomma serve, anzi urge – concludono gli automobilisti – un intervento immediato”.

C.N.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti