fbpx
facebook twitter rss

Arriva il fondo a sostegno degli
inquilini morosi incolpevoli

PORTO SAN GIORGIO - Bando pubblicato dall'assessorato ai servizi sociali. L'interessato dovrà dimostrare la regolarità nei pagamenti degli affitti negli anni precedenti all'insorgere della riduzione della capacità reddituale. Per presentare le domande c'è tempo fino al 15 ottobre
Print Friendly, PDF & Email

 

L’assessorato ai servizi sociali ha provveduto a pubblicare sul sito internet del Comune il bando del fondo per aiutare gli inquilini morosi incolpevoli. “Si tratta – spiega l’assessore Francesco Gramegna (foto) – di un ulteriore sostegno a quelle famiglie che maggiormente hanno patito le difficoltà dell’emergenza Covid 19″.

Per morosità incolpevole s’intende la situazione di sopravvenuta impossibilità a provvedere al pagamento del canone locativo a ragione della perdita o consistente riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare.

A dimostrazione della incolpevolezza della morosità, l’interessato dovrà dimostrare la regolarità nei pagamenti degli affitti negli anni precedenti all’insorgere della riduzione della capacità reddituale anche qualora il contratto di locazione sia stato stipulato per un alloggio ubicato in Comune diverso da quello di attuale residenza.

Per l’anno 2020, al fine di rendere più agevole l’utilizzo delle risorse disponibili, la platea dei beneficiari del fondo è estesa anche ai soggetti che, pur non essendo destinatari di provvedimenti esecutivi di sfratto, presentino una autocertificazione nella quale dichiarino di aver subito, in ragione dell’emergenza Covid 19, una perdita del proprio reddito ai fini Irpef superiore al 30% nel periodo marzo-aprile-maggio 2020 rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente e di non disporre di sufficiente liquidità per far fronte al pagamento del canone di locazione e/o agli oneri accessori.

La domanda, corredata di copia del documento di riconoscimento, va redatta sull’apposito modello scaricabile dal sito internet del Comune e presentata all’ufficio protocollo, inviata via pec o mail ai servizi sociali. Il bando è una procedura aperta, fino ad esaurimento delle risorse disponibili. Le domande pervenute entro il 5 agosto saranno conteggiate per l’invio del fabbisogno della Regione il 10 agosto. Le domande pervenute entro il 15 ottobre saranno conteggiate per l’invio del 31 ottobre.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X