facebook twitter rss

Morese: ”Bene il taglio sulle spese
natalizie, ma sosteniamo il commercio”

PORTO SAN GIORGIO - Il segretario di Fratelli d’Italia apprezza la scelta del risparmio ma non fa mancare critiche all’amministrazione. "Tutti i sangiorgesi apprezzerebbero meno lustrini e più solidarietà immediata nei confronti di chi, ogni giorno, alza la serranda del proprio locale e resiste ad ogni difficoltà"
Print Friendly, PDF & Email

Emanuele Morese

“Bene il ridimensionamento delle spese sul Natale ma servono misure immediate a sostegno del commercio. Così è un regalo a metà”.

Interviene così sulla rimodulazione della spesa natalizia il segretario comunale di Fratelli d’Italia, Emanuele Morese, che apprezza la scelta del risparmio ma non fa mancare delle critiche all’amministrazione.

“I sangiorgesi sono abituati ad un Natale sottotono in tempi migliori, figuriamoci sotto il periodo del Covid. Nessuno si aspettava delle festività sfavillanti perché la moria di idee e di gusto sono il marchio di fabbrica dell’amministrazione Loira. Ci dispiace che i tempi non ci permettano di vedere il sindaco all’opera in prima persona, ma sono d’accordo sul fatto che ci siano questioni di maggiore urgenza”, spiega Morese.

“L’epidemia sta galoppando e probabilmente verranno prese dal governo delle misure ancora più stringenti per contenere i contagi e per non affaticare il, già appesantito, sistema sanitario marchigiano. Sono contento del ridimensionamento delle spese natalizie da circa 70 mila euro a circa 40, ma non comprendo a cosa serve risparmiare se i soldi risparmiati non finisco per agevolare il commercio sangiorgese che affronta una delle battaglie più dure. Un provvedimento che deve essere immediato e a sostegno dei commercianti, e non di riserva come chiede il sindaco. Non dobbiamo aspettare di sapere come andrà la pandemia perché gli esercenti hanno bisogno ora di questi soldi, non domani o addirittura “forse domani”, ha incalzato.

“Oggi tutti i sangiorgesi apprezzerebbero meno lustrini e più solidarietà immediata nei confronti di chi, ogni giorno, alza la serranda del proprio locale e che resiste ad ogni difficoltà per garantire i servizi alla cittadinanza – Morese va verso le conclusioni -. Questo è quello che ci aspettiamo da un’amministrazione che ha a cuore la città. Le mezze misure e le scelte a metà del sindaco rivelano solo il tentativo di mantenere in piedi una maggioranza spaccata sul provvedimento e che si sta sbriciolando, ma che non tiene conto dei reali bisogni di Porto San Giorgio. Chiederò ai consiglieri di Fratelli d’Italia che, nel prossimo consiglio comunale, si faccia chiarezza votando la realizzazione di un fondo salva commercianti in cui trovare le risorse anche nei risparmi del Natale. Dalle parole serve passare ai fatti”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X