facebook twitter rss

Dalle maestre alla Croce Gialla,
i genitori degli alunni
in favore della pubblica assistenza

MONTEGRANARO - Importante donazione quella effettuata nel primo pomeriggio odierno dai rappresentati di classe delle scuole San Liborio e Capoluogo, a riversare il budget annuale dei regali destinati al corpo docente dei minori ai militi in divisa, dalla coda dello scorso inverno in prima linea nella lotta al Covid 19
Print Friendly, PDF & Email

I genitori coinvolti nella donazione, quest’oggi all’interno della sede della Croce Gialla per la consegna del ricavato. Un gesto che ha visto convergere la solidarietà delle classi riconducibili ai plessi San Liborio e Capoluogo

 

di Paolo Gaudenzi

Natale, tempo di gesti ed azioni da sempre a sfondo benefico e sociale. Per dirla tutta, però, la laboriosa cittadina veregrense nel famigerato 2020 contaminato dal Covid 19 ha messo l’accento sulla solidarietà dai primi mesi dell’anno, senza staccare mai la spina, per un crescendo sfociato dunque nel rinnovato gesto odierno.

Su questa lunghezza d’onda, la locale Croce Gialla nel primo pomeriggio ha ricevuto così la visita dei genitori rappresentati delle classi 4C e 4D della Primaria nonché della 1P, 2P, 3P, 2N e 3N dell’Infanzia riconducibili al plesso di San Liborio, e delle 2A Primaria e 2O Infanzia, classi afferenti al Capoluogo.

Un’iniziativa volta a sensibilizzare i cittadini con la speranza di innescare un positivo effetto emulativo, e mossa dai genitori che hanno scelto di destinare il budget altrimenti indirizzato all’acquisto dei canonici regali natalizi che, ogni anno, vengono donati al personale docente. Il gesto ha quindi riscontrato l’avallo delle maestre stesse, che hanno contribuito fattivamente facendo lievitare l’importo delle donazioni oltre i 600 Euro.

Il ringraziamento dei militi, guidati dal presidente Graziano Salvatelli, ai genitori giunti in sede per la donazione. La Croce Gialla veregrense è impegnata in prima linea nel contrasto alla pandemia da marzo, momento in cui è divenuta oggetto di attenzioni con contributi giunti da privati, associazioni ed esercizi commerciali

“Sensibilizzare e stimolare tutti a fare beneficenza, ci siamo mossi in questo senso – hanno commentato i genitori -. Per il nostro agire abbiamo scelto una realtà locale, la Croce Gialla appunto, perché in questo periodo, e non solo, si spende ogni giorno in prima linea per la battaglia cittadina contro il Coronavirus. Anche oggi abbiamo testato con mano l’impegno che mettono i militi nel loro agire, un impegno però che necessita di ulteriori forze fresche, tanto che ci sentiamo di farci carico di amplificare il messaggio che il vertice della pubblica assistenza calzaturiera ci ha chiesto di veicolare: unirsi a loro per donare, anche e non da meno, tempo e braccia utili sulla metaforica linea del fuoco”.

L’idea, nata dai rappresentati di classe Felice Volpe e Valentina Cavallaro, si è subito allargata a macchia d’olio, con l’ok di Marco Mochi, Roberta Di Chiara, Andrea Campetella, Francesca Gentili, Ludovica Olivieri e Sara Caponi, andando quindi a ricomprendere anche l’attività commerciale dei parrucchieri Catalini, che nella giornata di sabato scorso, 5 dicembre, ha donato parte dell’incasso delle confezioni regalo vendute.

Appuntamento che trova così seguito dal Natale 2019, con le classi rappresentate da Volpe e Campetella che si recarono al “Salesi” di Ancona per la donazione effettuata in favore dell’ospedale dorico per minori.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti