facebook twitter rss

Dopo le ricerche scatta l’arresto:
giovane finisce in manette,
raffica di controlli anti-Covid

MONTEGRANARO - Il cittadino extracomunitario doveva espiare la pena di 7 mesi di reclusione, comminata per il reato di porto abusivo di strumenti atti ad offendere, commesso nella zona di Macerata nell'ottobre del 2016. Sul fronte Covid, 273 le persone e 43 i negozi controllati
Print Friendly, PDF & Email

Anche quella di ieri è stata una giornata piena per i carabinieri di Fermo. Oltre alla raffica di controlli ad automobilisti ed esercizi pubblici per il contenimento dell’epidemia di Covid, con 273 persone e 43 negozi controllati, i militari hanno conseguito anche un risultato più sostanzioso: arrestato un giovane su cui pendeva un ordine di carcerazione.

“Dopo mirate ricerche, infatti, i carabinieri della stazione di Montegranaro, guidati dal comandante Giancarlo Di Risio – spiegano dalla compagnia dell’Arma di Fermo, comandata dal tenente colonnello Nicola Gismondi – hanno rintracciato e tratto in arresto un marocchino di circa 30 anni, dando esecuzione ad un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Macerata.
Il cittadino, extracomunitario, infatti, doveva espiare la pena di 7 mesi di reclusione, comminata per il reato di porto abusivo di strumenti atti ad offendere, commesso nella zona di Macerata nell’ottobre del 2016.
Dopo le formalità di rito, per lui si sono aperte le porte di una stanza di detenzione del carcere di Fermo, dove è stato accompagnato dai militari, per rimanere a disposizione dell’autorità giudiziaria. I controlli dei militari dell’Arma, come già assicurato in altre occasioni, continueranno anche nei prossimi giorni, ad esclusiva tutela della cittadinanza”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti