facebook twitter rss

Copagri: ”Primo trimestre 2021 con dati sull’export del vino italiano da minimo storico”

AGRICOLTURA - E' quanto affermato dal presidente Verrascina, in video conferenza, al Tavolo Vitinicolo convocato dal sottosegretario Centinaio direttamente dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. "Numeri allarmanti, con la pandemia a decretare il peggior quadro numerico degli ultimi 30 anni"
Print Friendly, PDF & Email

 

“Il comparto vitivinicolo è tra i settori dell’agroalimentare nazionale che hanno maggiormente risentito delle misure messe in campo per fronteggiare l’emergenza pandemica, con particolare riferimento al blocco delle frontiere e alla chiusura del canale HoReCa, il quale da solo vale il 40-45% del prodotto venduto e che ha causato ripercussioni maggiori sulle produzioni di fascia medio-alta”.

“L’emergenza Coronavirus ha portato a un drammatico crollo del consumo di vino italiano all’estero, che ha raggiunto il minimo storico da oltre trent’anni, con un calo del 20% dell’export nel primo trimestre del 2021”. Lo ha sottolineato il presidente della Copagri, Franco Verrascina intervenendo all’odierna riunione del Tavolo Vitivinicolo, svoltasi in videocollegamento (foto) al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali alla presenza del sottosegretario Gian Marco Centinaio.

“Il trend preoccupante è stato principalmente determinato dagli Stati Uniti, primo mercato di riferimento per il vino italiano, dove gli acquisti si sono ridotti del 22% in quantità; la pandemia si è fatta sentire anche sull’export verso la Germania, secondo acquirente mondiale per le bottiglie nazionali, dove si è registrata una diminuzione del 24%, percentuale ingente ma addirittura inferiore a quella fatta registrare dall’export verso la Gran Bretagna, crollato del 33% anche in relazione alla Brexit”, ha precisato il presidente.

“Alla luce di tali numeri, le imprese hanno estremo bisogno di liquidità per poter guardare al futuro e programmare la produzione; i produttori, in particolare, chiedono di accelerare con le misure messe in campo per il contenimento delle rese, discusse ormai oltre un anno fa, ma che solo di recente hanno trovato parziale applicazione, con effetti tra l’altro limitati sulla liquidità a disposizione delle aziende”, ha osservato ancora Verrascina.

“Bisogna poi puntare su interventi quali lo stoccaggio e la distillazione volontaria di crisi per dare risposte immediate al comparto; quest’ultimo strumento, però, che non senza qualche difficoltà ha da poco iniziato ad essere applicato a macchia di leopardo sull’intero territorio nazionale, va reso più agevole dal punto di vista normativo e va al contempo attualizzato, andando in particolare a individuare un prezzo adeguato al mercato che non vada a ledere la redditività delle imprese”, ha aggiunto il presidente della Copagri.

“Allo stesso modo, è necessario dare certezza giuridica ai produttori agricoli, definendo in modo chiaro il perimetro della proroga per le domande di autorizzazione dei nuovi impianti viticoli 2021, con il fine di dare gambe ai decreti ministeriali finora discussi per andare in tale direzione”, ha concluso Verrascina, evidenziando la necessità di continuare a lavorare anche sul versante della semplificazione e della sburocratizzazione del settore, esigenze molto sentite al pari del credito.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti