facebook twitter rss

Putzu (FdI): “Valorizzare i borghi dei piccoli comuni ma anche dei quelli sopra a 15.000 abitanti, rilanciare il turismo e l’attrattività delle Marche”

BORGHI - “Ringrazio il presidente Francesco Acquaroli, l’Esecutivo, i componenti della II commissione permanente, per il lavoro svolto e per essere riusciti a proporre all’Aula, un testo concreto e completo"
Print Friendly, PDF & Email

“Rivitalizzare e valorizzare il tessuto socio-culturale ed economico-produttivo dei borghi storici, che tanto caratterizzano la nostra regione, per assicurarne la vivibilità, l’attrattività e la sicurezza e per promuovere il turismo diffuso e sostenibile, in un contesto abitativo di pregio a contatto con le comunità residenti”. Questo il commento del consigliere del gruppo di Fratelli d’Italia al Consiglio regionale delle Marche, Andrea Putzu, presidente della II Commissione Permanente, in merito alla Proposta di Legge n. 48, a iniziativa della Giunta regionale delle Marche, “Sostegno alle iniziative integrate di riqualificazione e valorizzazione dei borghi e dei centri storici delle Marche e promozione e sviluppo del turismo diffuso e sostenibile”. Testo approvato nella seduta odierna del Consiglio regionale.

“Ringrazio il presidente Francesco Acquaroli, l’Esecutivo, i componenti della II commissione permanente, per il lavoro svolto e per essere riusciti a proporre all’Aula, un testo concreto e completo. Un lavoro lungo e articolato teso alla valorizzazione dei nostri splendidi Borghi, luogo della cultura, della tradizione enogastronomica e artigianale, che costituiscono un patrimonio unico e che avranno un’ulteriore occasione di rilancio in ambito turistico, delle attività culturali, delle realtà economiche, commerciali e della ristorazione. Dunque, un’interdisciplinarietà tra turismo, cultura, commercio, artigianato artistico, agricoltura, mondo imprenditoriale, politiche attive del lavoro, reti telematiche fino all’edilizia per la conservazione degli immobili nei borghi e centri storici. Mi preme, ancora, evidenziare l’aspetto relativo al potenziamento dell’accoglienza diffusa attraverso l’istituzione della rete regionale dell’albergo diffuso che sarà contraddistinta con l’individuazione di un marchio di rete. Il tutto declinato attraverso tre progetti: Borgo accogliente, dove si vanno a sostenere interventi integrati di riqualificazione e valorizzazione del borgo presentati da Comuni e loro associazioni, a beneficio di recuperi edilizi e di tutte le attività anche economiche presenti nei borghi; Albergo diffuso, sostenuto in quanto struttura ricettiva turistica imprenditoriale, da insediare, sviluppare, riqualificare sia nei borghi che nei centri storici; Residenza diffusa per il recupero e la rifunzionalizzazione a fini prevalentemente turistici di nuclei storici extraurbani e di borghi rurali. Una Legge, dunque, che sarà in grado di rafforzare diversi ambiti economici per dare maggiore slancio al comparto del turismo regionale con uno stanziamento di risorse iniziale che garantirà il pronto funzionamento.
Voglio infine ringraziare tutti i consiglieri regionali per aver approvato all’unanimità e con responsabilità questa importante Pdl dimostrando che il Turismo non ha colore politico ma è una priorità per la nostra Regione”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti