facebook twitter rss

Cesena amara per la Sutor, in Romagna si palesa un nuovo stop per i gialloblù

SERIE B - Calzaturieri battuti dai padroni di casa della Tigers con un sonoro 85-52. Per la compagine di coach Baldiraghi è la terza sconfitta consecutiva, maturata al termine di una sfida chiusa, di fatto, con l'ipoteca piazzata dai bianconeri già al termine del primo periodo di gioco
Print Friendly, PDF & Email

CESENA – Brutta prestazione per la Sutor Montegranaro, che ha subito la terza sconfitta consecutiva, a Cesena, per 85-52.

I gialloblù non sono stati mai in partita, hanno sempre subito il gioco degli avversari in entrambi i lati del campo, e quello che più ha stonato, e che sono sembrati passivi soprattutto in difesa, e sterili in attacco. In pratica, la gara si è conclusa nel primo periodo, quando i Tigers hanno chiuso avanti, dopo 10’, sul 28-9 con la gara per i calzaturieri che era già compromessa.

IL TABELLINO

TIGERS CESENA 85: Bugatti 16, Nwokoye 8, Giorgini, Anumba 11, Bertini, Mascherpa 3, Moretti 7, Genovese 10, Gallizzi 12, Ndour, Arnaut 3, Brighi 4. All. Tassinari

SUTOR BASKET MONTEGRANARO 52: Galipò 4, Masciarelli, 5 Angellotti 4, Torrigiani, Korsunov 8, Alberti 1, Barbante, Verdecchia, Botteghi, 18 Mariani 1, Murabito 11, Crespi ne. All. Baldiraghi

ARBITRI: Occhiuzzi di Trieste e Bragagnolo di Codroipo (Udine)

PARZIALI: 28-9, 49-27, 70-41

NOTE: Tl: Cesena, Sutor. Tiri da 3 Punti: Cesena, Sutor. Rimbalzi: Cesena, Sutor

LA CRONACA

La Sutor va in campo senza l’infortunato Crespi, alle prese con problemi alla caviglia. Il primo canestro della contesa lo realizza Masciarelli, poi Cesena sale in cattedra e dopo essere andata avanti 6-3 con un parziale di 12-0, raggiunge il massimo vantaggio grazie ad un canestro di Bugatti, 18-3 al 6’. La Sutor non riesce a reagire e i Tigers volano al massimo vantaggio con Nwokoye per il 24-5. Il primo periodo si chiude sul 28-9. Nel secondo quarto, la Sutor si propone meglio in campo, Cesena ha sempre il comando della contesa, ma il parziale della seconda parte è di 21-18 e al riposo lungo il punteggio è fissato sul 49-27.

Al ritorno in campo, la squadra di Tessitori raggiunge il nuovo massimo vantaggio, 62-31 con due tiri liberi di Moretti e mette in ghiaccio la partita. Dopo 30’ il punteggio è fissato sul 70-41. Baldiraghi dopo aver provato di tutto da spazio ai giovani, Botteghi è l’unico a battersi come un leone, per lui alla fine 18 punti e una buona prestazione però, la sconfitta non può essere evitata. La Sutor perde 85-52 dimostrando ancora una volta tante lacune, che non saranno facili da colmare.

LE DICHIARAZIONI

“Quella andata in scena a Cesena – ha detto il coach Massimiliano Baldiraghi – è stata una gara in cui i Tigers ci sono stati superiori per tutta la partita. In questo momento non siamo una squadra al livello di Cesena, questa è la realtà. La cosa che non va bene e che dobbiamo approcciare meglio le partite. E’ vero che ci mancava Crespi, che è il nostro intimidatore dell’area pitturata però, noi siamo stati molto negativi nonostante una buona prova fornita da Botteghi, che è stato il migliore dei nostri. Dobbiamo avere un approccio diverso alle partite, ripeto, e anche chi viene chiamato in causa dalla panchina, deve essere cosciente del fatto che in campo deve andare ad affrontare una battaglia. Ho provato a fare delle rotazioni, che però non mi hanno dato l’effetto sperato. E’ chiaro che i giovani devono crescere e migliorarsi però, l’atteggiamento, lo spirito, la durezza e la cattiveria sono cose che ci appartengono e le voglio vedere in campo, se non riusciamo a fare questo, allora tutto diventa un problema”.

“Dobbiamo fare un ulteriore salto di qualità sotto questo punto di vista se vogliamo salvare la pelle – ha proseguito il tecnico calzaturiero -. A parte Botteghi che ha giocato una buona partita, cosa rimane di questa trasferta a Cesena? Ben poco se non nulla. Sono veramente molto arrabbiato perché non si può approcciare la partita con questa sufficienza, va bene che giochi in trasferta senza capitano, però questo non giustifica un primo quarto dove siamo stati nettamente dominati da Cesena, che è sì un ottima squadra dotata di una fisicità impressionante che può contare su giocatori di talento come Mascherpa, Genovese e Gallizzi. Bisognerà cambiare presto marcia perché questo campionato non aspetta nessuno”.

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti