facebook twitter rss

Niente altalena nell’uovo di Pasqua
A piazza Bambinopoli,
genitori “sull’orlo di una crisi di nervi”

PORTO SAN GIORGIO - Nessuna traccia dell'altalena a piazza Bambinopoli. A dire il vero in molti avevano sperato di trovare un seggiolino nuovo di zecca dentro l'uovo di Pasqua. Invece la sorpresa è stata amara.
Print Friendly, PDF & Email

Nessuna traccia dell’altalena a piazza Bambinopoli. A dire il vero in molti avevano sperato di trovare un seggiolino nuovo di zecca dentro l’uovo di Pasqua. Invece la sorpresa è stata amara. Archiviate le festività pasquali, dell’altalena che dovrebbe prendere il posto di quella rotta ormai da mesi, non si ha notizia. Eppure i tempi di consegna avrebbero dovuto essere di 15 giorni, almeno così si legge nella determina dirigenziale del 14 marzo. Ieri mattina, puntuali, sono quindi andate in scena nell’affollatissima piazza Bambinopoli, fiore all’occhiello dell’amministrazione comunale, le consuete file in attesa del proprio turno, scambi di sguardi minacciosi tra genitori, borbottii e scuse più o meno sincere, pianti ed urla di bambini. E tutto per un’altalena che manca all’appello dalla scorsa estate. Ma, a quanto pare, indispensabile per quel parco giochi. Costo per sostituirla: 359 euro. Non certo una somma ingente per le casse dell’ente rivierasco. Mamme e papà attendono fiduciosi anche se lo sconforto sta prendendo il sopravvento. Non bastano più due altalene in quella piazza, presa d’assalto nei giorni festivi. Come non bastano più gli spazi verdi dopo che parte del prato è stata delimitata dalla recinzione che gli uffici comunali hanno collocato intorno alla vecchia palma sul cui futuro ancora ci si interroga. Vivrà o morirà colpita dal punteruolo rosso? Un fatto è sotto agli occhi di tutti. Il prato è d gran lunga preferito alla parte in pietra. Ci sono i giochi, si tira qualche calcio al pallone, si può stare serenamente seduti a terra. “Ma ridateci l’altalena” tuonavano ieri pomeriggio in coro mamme e nonne. Appuntamento al prossimo weekend. Chissà allora che la lunga attesa non venga finalmente premiata.

Sa. Ren.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti