facebook twitter rss

L’Area Vasta 4 presenta il piano ferie per l’estate: garantire i bisogni dei cittadini e i diritti dei dipendenti

FERMO - Il piano tiene conto delle esigenze dei Servizi specialistici e dei bisogni espressi dalla cittadinanza ed è stato predisposto procedendo ad una revisione organizzativa di alcune unità operative e alla riduzione di alcune attività, giudicate temporaneamente rinunciabili
martedì 22 maggio 2018 - Ore 16:55
Print Friendly, PDF & Email

Il direttore Av4, Licio Livini

 

Obiettivo: garantire la continuità dei servizi ai cittadini e allo stesso tempo coniugare i diritti contrattuali dei dipendenti. Il direttore d’Area Vasta 4 Licio Livini illustra il piano ferie per l’estate 2018. “Il piano ferie estivo – spiegano i vertici dell’Area Vasta –  rappresenta per tutte le organizzazioni sanitarie un momento di stress organizzativo considerevole, in quanto deve necessariamente coniugare i diritti contrattuali dei dipendenti e di presa in carico dei bisogni espressi dai cittadini, pertanto è necessario premettere che: anche in una situazione di organico completo la fruizione, in un periodo di quattro mesi, di metà delle ferie spettanti ai dipendenti nell’intero anno, può comportare uno squilibrio nella copertura dei turni nelle varie unità di produzione; eventuali carenze improvvise di personale, ad esempio per maternità anticipata o lunga malattia, impattano immediatamente sulla copertura dei turni nel periodo estivo, in attesa del reintegro dell’organico; nelle strutture sanitarie vi sono alcune attività non comprimibili, in quanto legate alla garanzia della emergenza/urgenza, per cui nelle unità produttive coinvolte le dinamiche illustrate al punto precedente risultano ancora più accentuate”.

Livini fa il punto: “La situazione attuale degli organici in Area Vasta 4, è caratterizzata da una tendenziale copertura dei posti previsti dalla dotazione organica, mentre la situazione delle assenze temporanee è soggetta a vincoli disposti dall’ASUR. Quindi in una situazione di stabilità degli stessi, anche grazie alle diverse operazioni di riorganizzazione realizzate negli ultimi anni, che ha consentito un significativo recupero di efficienza e qualificazione dei servizi per il sistema, questa A.V. garantisce per la gran parte dei dipendenti la normale fruizione delle ferie. Si rileva però come il costante turn over del personale e soprattutto l’impossibilità di sostituire i dipendenti in assenza prolungata (maternità, diritti contrattuali e di legge), creino un quadro di variabilità che rende opportuno attuare un piano di interventi a supporto del piano ferie estive. Il piano tiene altresì conto delle esigenze dei Servizi specialistici e dei bisogni espressi dalla cittadinanza ed è stato predisposto procedendo ad una revisione organizzativa di alcune unità operative e alla riduzione di alcune attività, giudicate temporaneamente rinunciabili.  Inoltre sul fronte delle assunzioni, compatibilmente con i vincoli economici imposti dalle disposizioni regionali e aziendali, l’A.V. utilizzerà tutti gli strumenti di reclutamento consentiti: graduatorie di concorsi, avvisi pubblici, ricorrendo infine ad una temporanea esternalizzazione di una struttura di Post Acuzie. Rimane tuttavia una possibile ed a oggi non prevedibile fisiologica quota di fabbisogno tra diverse unità operative, tenuto conto anche delle criticità legate all’inserimento inevitabilmente ‘graduale’ del personale in fase di assunzione, la quale verrà gestita con prestazioni aggiuntive retribuite. Si precisa comunque che ogni soluzione gestionale da adottarsi anche nel senso di risolvere le questioni contingenti verrà posta in essere nel tentativo di massima condivisione con il personale coinvolto”.

Da qui ne è scaturita una pianificazione suddivisa per livelli prioritari di intervento e complementare al piano assunzioni, che nasce dall’esigenza di garantire la fruizione delle ferie estive ai dipendenti dell’Area Vasta 4, nel rispetto della normativa vigente e del mantenimento dei livelli assistenziali minimi di sicurezza erogabili ai cittadini. Le azioni individuate (primo livello) sono suddivise per Macroarea, ritenute necessarie e programmate sulla base degli indicatori di utilizzo annuali e del periodo di riferimento. Inoltre vengono previste eventuali ulteriori azioni ritenute necessarie (secondo livello), da realizzare qualora insorgano criticità ad oggi non prevedibili, in maniera proporzionale e progressiva con azioni di riduzione delle attività comprimibili o dei p.l. disponibili, ovvero non fosse possibile assicurare la copertura di tutti i posti previsti dal piano assunzioni.

Macroarea Prevenzione
Azioni di I ° livello:
Attività vaccinale. Sede di Amandola nel periodo 1.8 – 31.8.2018, si riduce il programma da quattro ad una seduta vaccinale.

Azioni di II ° livello, non previste

Macroarea Territoriale

Distretto Unico.
Azioni di I ° livello:
Residenza Sanitaria Riabilitativa (R.S.R.). Sospensione delle attività di ricovero, nel periodo 11 agosto – 2 Settembre.
Degenza di Cure Intermedie, Sant’ Elpidio a Mare: esternalizzazione dell’assistenza nel periodo 1 Giugno – 30 Settembre. Tale azione prevede l’utilizzo del personale dipendente (infermieri – O.S.S.) presso le diverse UU.OO.CC. dell’AV4, a supporto del programma ferie.
Sospensione attività del Punto Prelievi di Massa Fermana, nel periodo 1 Luglio – 15 settembre.

Azioni di II ° livello:
Centro Diurno Alzheimer Montegranaro. Sospensione temporanea delle attività assistenziali, nel periodo 4.8 – 2.9. 2018.
Area della Specialistica Ambulatoriale A.V.4. Si prevede una riduzione proporzionale e progressiva delle attività di supporto alla specialistica.

Dipartimento di Salute Mentale
Azioni di I ° livello
Centri Diurni territoriali di Petritoli e Porto Sant’Elpidio. Sospensione temporanea delle attività dei nel periodo 5.8 – 19.8.

Azioni di II ° livello, non previste.

Macroarea Ospedaliera.

Attività Operatoria.
Azioni di I ° livello:
Riduzione dell’attività chirurgica programmata con conservazione di quella in urgenza, garantendo l’esecuzione delle classi A oncologiche. La programmazione di sala operatoria sarà articolata con il seguente calendario:
1/6 – 30/6 ventitré sedute settimanali
2/7 – 31/7 diciotto sedute settimanali
1/8 – 11/8 diciotto sedute settimanali
13/8 – 19/8 sei sedute settimanali
20/8 – 16/9 diciotto sedute settimanali
17/9 – 30/9 ventitré sedute settimanali

Azioni di II ° livello, non previste.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page

Caricamento..

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X