facebook twitter rss

Emergenza rom sul lungomare, nervi a fior di pelle tra i cittadini; Romitelli: “Controlli continui, ma non è facile come sembra”

PORTO SANT'ELPIDIO - Lamentele a raffica per la diffusa presenza di nomadi sul lungomare e la sporcizia lasciata su aree pubbliche; l'assessore alla sicurezza puntualizza: "Consapevoli del problema, tutto quello che è possibile con i nostri agenti lo stiamo facendo, si spostano continuamente, molti viaggiano in auto e non in camper, eludendo le sbarre nelle aree parcheggio per i veicoli più alti"
lunedì 20 agosto 2018 - Ore 17:16
Print Friendly, PDF & Email

di Pierpaolo Pierleoni

Ore 11.30, sul lungomare centro di Porto Sant’Elpidio un gruppo di rom, dopo aver presidiato un paio di chalet, si è appena spostato di alcune centinaia di metri più a nord. Vitaliano Romitelli, assessore alla sicurezza, discute con una pattuglia della polizia locale sugli interventi da adottare per contenere il fenomeno. Un cittadino pedala lungo la pista ciclabile e passando, ammonisce: “Romitelli, se non fate qualcosa con questi rom ve li troverete in casa, sveglia!”

Una scena banale, quotidiana, termometro di un disagio ormai diventato esasperazione. I nomadi sono una costante di quest’estate a Porto Sant’Elpidio. Una presenza che innesca un vespaio di critiche, lamentele, raffiche di commenti sui social. Presidio quasi fisso sul lungomare centro, posteggi frequenti in zona ex Orfeo Serafini, ma con frequenti visite anche più a nord, specialmente in pineta. Oltre alle parole ed alla rabbia c’è una questione di immagine per la città e di incassi per le attività commerciali. Non sono pochi i pendolari del mare, provenienti da comuni limitrofi, che assicurano di aver preferito altri lidi per trascorrere qualche ora sotto l’ombrellone, o per portare i bambini al parco giochi, proprio per il fastidio di fronte a insistenti richieste di spiccioli, per la sporcizia trovata in aree pubbliche o per il senso di insicurezza.

Romitelli, assessore con delega alla sicurezza da poco più di un mese, non minimizza il problema, ma garantisce: “Stiamo facendo tutto il possibile. Per anni il problema ha riguardato altre realtà, quest’anno lo abbiamo trovato noi. Vivo anch’io la città, parlo tutti i giorni con le persone, ascolto i disagi della gente. I nostri vigili ci sono, effettuano turni interi di controllo dietro ai rom, malgrado le incombenze siano molte. Ora, insieme al comandante, stiamo concordando un ulteriore incremento del personale attivo in orario serale, specie in concomitanza con mercatini ed iniziative. Al cittadino magari sembra semplice risolvere il problema, ma non è così. Nei mesi scorsi sono state introdotte sbarre per limitare l’accesso nelle aree parcheggio ai camper, ma nelle ultime settimane, sempre più spesso, i nomadi sono arrivati a bordo di auto o furgoni e sono entrati lo stesso. I mezzi sono stati tutti controllati e sono in regola. La polizia locale interviene, li può allontanare solo se stanno arrecando disturbo, ma poi si spostano poco più in là. Tanti parlano di furti, ma bisogna dimostrarli e di denunce al nostro comando non ne risultano. Se li colgono in flagrante mentre stanno sporcando aree pubbliche possono multarli, ma non è un grosso deterrente. Non si fermano mai per più di qualche ora, vanno e vengono continuamente”.

Un grattacapo per il quale l’assessore chiede più supporto da parte delle forze dell’ordine. “Negli ultimi mesi si sta vedendo una presenza più assidua di carabinieri e polizia e questo è fondamentale – premette Romitelli – anche ieri sera ho chiesto al comandante dell’Arma della nostra stazione di fare il possibile, con i mezzi e le pattuglie a disposizione, per darci una mano. Mi auguro che la sinergia nei controlli, oltre al fatto che andiamo verso la conclusione della stagione estiva, portino a breve ad una netta riduzione del fenomeno”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X