fbpx
facebook twitter rss

Presentata la stagione musicale
di Fermo, dal theremin ai talenti
internazionali per un cartellone di qualità

FERMO - Presentata questa mattina nella sala Rollina del teatro dell'Aquila. L'assessore Trasatti: "Il mio auspicio è che si torni alle vecchie abitudini, che la domenica  pomeriggio diventi un appuntamento fisso con la musica di qualità"
Print Friendly, PDF & Email

di Maria Elena Grasso

Grande entusiasmo, questa mattina, alla sala Rollina del teatro dell’Aquila, per la presentazione della nuova stagione musicale della città di Fermo. “Il mio auspicio è che si torni alle vecchie abitudini, che la domenica pomeriggio diventi un appuntamento fisso con la musica di qualità”, l’augurio dell’assessore alla cultura Francesco Trasatti.

La presentazione della nuova stagione musicale si apre alla presenza del neo presidente del conservatorio “G.B. Pergolesi” di  Fermo, Igor Giostra che parla di un altissimo livello musicale raggiunto grazie alla sinergia tra l’assessorato alla cultura e le realtà musicali del territorio.

“Sarà una stagione di grande prestigio”, afferma Rita Virgili in rappresentanza di Carmela Marani, presidente della Gioventù Musicale Italiana. Un palcoscenico in grado di ospitare artisti internazionali senza dimenticare il territorio. La chicca? La presenza di un’artista che suona il theremin, strumento che non prevede il contatto fisico dell’esecutore.

Fabio Tiberi, che rappresenta l’Orchestra Filarmonica Marchigiana, parla di una “stagione nella stagione” con il vincitore dell’ultima edizione del premio Postacchini che verrà presentato durante il concerto di Beethoven mentre Rossella Marcantoni, dell’accademia Malibran, racconta della straordinaria presenza della pianista coreana Ilja Kim a sottolineare l’internazionalità della programmazione.

“Eventi da non perdere sono il ‘festival  per gli emergenti’ e il ‘premio alla carriera’” sottolinea Mirella Ruggieri, promotrice della cultura nel Fermano.

“Ad accrescere l’orgoglio per la stagione 2019/2020 è il ritorno alla Sala dei Ritratti del palazzo dei Priori” aggiunge l’assessore Trasatti nell’illustrare il programma che vedrà di nuovo protagonista una delle sale più prestigiose dei palazzi storici di Fermo.
 “Altro elemento di soddisfazione – continua l’assessore alla cultura – sono i prezzi abbordabili per tutti, sia dei singoli ingressi che degli abbonamenti”. La stagione si aprirà domenica 17 novembre alle ore 17,con l’Eroica di L.Van Beethoven, al teatro dell’Aquila di Fermo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X