facebook twitter rss

“Raffigurazione delle cose invisibili”,
omaggio del Guitalian quartet
per il 500esimo dalla morte di Leonardo

FERMO - Concerto di Fichtner, Marcotulli, Palamidessi e Rullo in occasione dell'anniversario della morte del genio italiano. Appuntamento domani alle ore 17 alla sala dei Ritratti, Palazzo dei Priori
Print Friendly, PDF & Email

“Raffigurazione delle cose invisibili” è la definizione che Leonardo da Vinci dava della musica. Ed è il titolo del concerto che la prestigiosa formazione chitarristica del Guitalian Quartet, dedica a Leonardo da Vinci domani alle ore 17 nella sala dei Ritratti.

“I chitarristi Guido Fichtner, Claudio Marcotulli, Stefano Palamidessi, Adriano Walter Rullo proporranno un particolarissimo omaggio del Guitalian quartet di chitarre per il 500esimo anniversario dalla morte di Leonardo da Vinci con brani composti su ‘Il bestiario’. E non solo. Il programma infatti – fanno sapere falla Gioventù musicale e dall’Accademia musicale Ennio Giostra che patrocinano l’evento insieme al Comune – prevede anche celeberrimi brani quali l’ouverture da ‘Il Barbiere di Siviglia’ di Rossini o la ‘Carmen Suite’ da Bizet o, ancora, la dolcissima ‘Alfonsine y el Mar’ di Rodrigo.
L’occasione di questo primo concerto della stagione musicale 2020 sarà colta anche per inaugurare ufficialmente la Sala dei Ritratti tornata luogo privilegiato di cultura dopo il terremoto. Al termine del concerto tutto il pubblico verrà invitato dal sindaco Calcinaro e dal vice Trasatti a brindare a questo nuovo inizio”.

“Fondato nel 2006, il Guitalian Quartet – spiegano gli organizzatori dell’evento – è composto da chitarristi solisti affermatisi nei più importanti concorsi nazionali ed internazionali per chitarra che, nelle rispettive attività, hanno effettuato registrazioni per importanti etichette discografiche. Tra loro, tra l’altro, il fermano Claudio Marcotulli, riconosciuto come uno dei maggiori interpreti del nostro tempo.
I quattro concertisti hanno effettuato moltissime registrazioni televisive e radiofoniche per le principali emittenti italiane ed estere; il primo cd del quartetto, intitolato ‘Guitalian Quartet Live’, ha riscosso entusiastici favori di pubblico e critica. Si sono esibiti con successo nelle più prestigiose sedi concertistiche del mondo: dalla Salle Cortot di Parigi alla Triphony Hall di Tokyo, dalla Roy Thompson Hall di Toronto al Teatro Coliseo di Buenos Aires, dal Bath Festival in Inghilterra al Festival dei Due Mondi di Spoleto in Italia.
Il quartetto, molto attento alle nuove frontiere musicali, è stato dedicatario ed esecutore in prima assoluta di opere di alcuni fra i più rilevanti compositori italiani quali Paolo Arcà, Giovanni Sollima, Fabrizio de Rossi Re, Carmelo Nicotra, Mauro Schiavone, Nicola Jappelli, Giorgio Spriano, e Francesco Pennisi: da questo approfondimento sulla scena contemporanea in Italia è scaturito il secondo cd, intitolato ‘Contemporary Italian Music for Guitar Quartet’ pubblicato dall’etichetta newyorkese Bridge Records e accolto con enorme favore dalla critica specializzata.
Dopo la prematura scomparsa di Maurizio Norrito, fondatore e componente del Guitalian Quartet, Adriano Walter Rullo, suo grande amico, è entrato a far parte del quartetto. All’attività concertistica affiancano quella didattica con masterclass e la docenza in conservatori italiani”.

Per info: 377 0920644


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X