facebook twitter rss

“Pronti a collaborare”
Confartigianato chiede un incontro
al commissario Legnigni

INCONTRO - Dalla sigla associativa: "Sono molti i temi di cui parlare con il nuovo commissario che speriamo voglia accogliere il nostro invito ad un incontro che possa essere conoscitivo e concretamente propositivo"
Print Friendly, PDF & Email

Cambiano le persone, ma i problemi restano. Speriamo però che la nomina del nuovo Commissario straordinario alla ricostruzione del Centro Italia, Giovanni Legnini, segni un definitivo punto di svolta. Sappiamo che c’è molto lavoro da fare e auspichiamo vivamente che, a stretto giro, vengano messe in campo azioni concrete e risolutive.
Viste le difficoltà, le inefficienze e i ritardi finora subiti, vigileremo con molta attenzione al fine di aiutare e favorire la ricostruzione, le imprese e i cittadini“.

E’ quanto auspicano dalla Confartigianato Macerata-Fermo-Ascoli. La sigla associativa tende da subito la mano a Legnini: “Il nuovo commissario avrà tutta la nostra collaborazione, come d’altronde l’hanno avuta tutti coloro che lo hanno preceduto, ma valuteremo attentamente le decisioni prese e di volta in volta, cercheremo di fornire per quanto più possibile il nostro contributo.
Confartigianato è quindi a disposizione per approfondire le principali criticità ed urgenze, nonché le necessità che quotidianamente riscontriamo nelle nostre imprese. Ogni giorno infatti viviamo a stretto contatto con imprenditori e cittadini, intercettando le loro esigenze e le logoranti problematiche derivanti del sisma.
Sono molti i temi di cui parlare con il nuovo commissario che speriamo voglia accogliere il nostro invito ad un incontro che possa essere conoscitivo e concretamente propositivo. Siamo certi che le questioni da sottoporre al commissario Legnini possano avere soluzioni rapide e facilmente applicabili.
Non pretendiamo certo di sostituirci al lavoro altrui, ma pretendiamo invece di essere ascoltati perché, per quanto se ne possa discutere nelle stanze dei grandi palazzi di Roma, solo chi vive ogni giorno le nostre realtà, conosce i reali problemi e bisogni di queste meravigliose zone che meritano finalmente il giusto aiuto”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X