facebook twitter rss

Confartigianato: “In dono ai Vescovi la statuina presepiale di un’infermiera”

CONFARTIGIANATO - Questa mattina, dal Vescovo Marconi c’erano Renzo Leonori e Giorgio Menichelli, presidente e segretario di Confartigianato Macerata-Ascoli Piceno-Fermo, con Francesco Fucili e Giordano Nasini, presidente e direttore di Coldiretti Macerata
Print Friendly, PDF & Email

È stata consegnata stamattina al Vescovo di Macerata, Mons. Nazzareno Marconi, una significativa statuina del Presepe: si tratta di un’infermiera impegnata a salvare la vita delle persone colpite dal Covid-19, ed è stata  realizzata da un laboratorio di arte presepiale di Napoli associato a Confartigianato. La prestigiosa bottega d’arte ‘La Scarabattola’ dei Fratelli Scuotto.

L’iniziativa di Confartigianato, Coldiretti e Fondazione Symbola, avviata a livello nazionale sotto l’egida del Manifesto di Assisi, toccherà nelle cinque Diocesi che fanno parte del proprio territorio, per consegnare di persona ai Vescovi questo dono, simbolo di speranza per l’intera comunità che rappresenta.

Questa mattina, dal Vescovo Marconi c’erano Renzo Leonori e Giorgio Menichelli, presidente e segretario di Confartigianato Macerata-Ascoli Piceno-Fermo, con Francesco Fucili e Giordano Nasini, presidente e direttore di Coldiretti Macerata. Durante l’incontro si è condiviso un forte messaggio di vicinanza di artigiani e agricoltori alla gente che soffre per causa della pandemia e per tutte le famiglie che stanno piangendo i loro morti a causa del Covid-19.

Come spiegano Leonori e Menichelli, “è pur vero che l’emergenza sanitaria sta pesando enormemente sulla tenuta produttiva del nostro Paese, e che dovremo confrontarci con sfide impegnative. Ma la priorità deve sempre essere la salute. Non possiamo anteporre gli interessi economici alla vita dei nostri collaboratori, dei nostri parenti, dei nostri vicini di casa. Delle persone. Non a caso questa statuina, un’infermiera, vuole testimoniare la nostra riconoscenza verso tutti gli eroi che lottano per sconfiggere questa pandemia. Da questo loro coraggio chiunque deve prendere esempio, per disegnare una società giusta e attenta a chi ha bisogno”.

Per Fucili e Nasini “la modernità del Presepe viene proprio dal suo legame con la vita di tutti i giorni che per gli agricoltori e gli allevatori vuole dire conservazione dei territori, della biodiversità e della fattoria Italia che purtroppo negli ultimi dieci anni a causa della crisi ha perso 2 milioni di animali con un addio che ha riguardato soprattutto la montagna e le aree interne più difficili dove mancano condizioni economiche e sociali minime per garantire la permanenza di pastori e allevatori, spesso a causa dei bassi prezzi pagati per il latte e per la concorrenza sleale dei prodotti importati dall’estero”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti